Home > Politica > Boom di presenze per Raffaele Di Fiore candidato sindaco con “Pollena (...)

Boom di presenze per Raffaele Di Fiore candidato sindaco con “Pollena Trocchia Prima di Tutto”

“Il mio stipendio da sindaco, sarà devoluto a favore di progetti per la collettività e per i ceti meno abbienti di Pollena Trocchia.”

domenica 5 maggio 2013


Sala gremita di gente lo scorso venerdì 3 maggio all’Antica Villa per l’apertura della campagna elettorale della lista civica “Pollena Trocchia Prima di Tutto” con il candidato a sindaco Raffaele Di Fiore, il più papabile alla corsa all’ultimo voto con l’uscente primo cittadino Francesco Pinto.

Durante la serata è stata presentata la “squadra” dei sedici giovani candidati al consiglio comunale: Salvatore Beneduce, Salvatore Guadagni, Giovanni Coppola, Nunzio Mollo, Salvatore Cennamo, Antonio Ilardo, Alberto D’angelo, Giuseppe Patellaro, Maria D’antonio, Ciro Rauso, Elena Di Sarno, Antonio Riviera, Salvatore Fiorentino, Antonella Romano, Valentina Saviano,Chiara Terracciano.

Raffaele Di Fiore, 43 anni, imprenditore e padre di tre figli, ha presentato con estrema chiarezza i punti salienti del suo programma elettorale, a partire dal lavoro, alla viabilità, e allo sviluppo del territorio con la praticità che contraddistingue chi ogni giorno, proprio per il tipo di attività che svolge, è abituato a risolvere i problemi più che a “contemplarli” e tutto ciò tra l’entusiasmo dei numerosi cittadini che hanno preso parte alla kermesse.

Raffaele Di Fiore, che non a caso ha chiamato la sua lista “Pollena Trocchia Prima di Tutto” ha infine, ribadito quanto già annunciato precedentemente: “Il mio stipendio da sindaco, sarà devoluto a favore di progetti per la collettività e per i ceti meno abbienti di Pollena Trocchia.”

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.