Home > Cultura > Venerdì alle 18, presso l’arena Diana di villa Vannucchi, la presentazione (...)

Venerdì alle 18, presso l’arena Diana di villa Vannucchi, la presentazione del volume di Capone e Pirozzi “Francesca e il Cavaliere”.

martedì 7 maggio 2013, di La redazione


SAN GIORGIO A CREMANO. Venerdì 10 maggio 2013, alle 18, presso l’arena Diana di villa Vannucchi in corso Roma, a San Giorgio a Cremano, sarà presentato il libro “Francesca e il Cavaliere”, a cura dell’associazione ArenaDiana e del circolo Acli di San Giorgio a Cremano “Giuseppe Lazzati”. Apriranno la serata i saluti dei presidenti delle due associazioni, Luigi Montesanto ed Antonio Di Maria. Il consigliere nazionale delle Acli Michele M. Ippolito intervisterà gli autori, i giornalisti Mariagiovanna Capone e Nico Pirozzi.

Di seguito, una sinossi del volume, edito da CentoAutori: "I primi passi nel mondo dello spettacolo come showgirl del programma trash "Telecafone"; l’ingresso in politica passando per la segreteria di Fulvio Martusciello, dove viene concepita la singolare idea del fan club "Silvio ci manchi". Poi - ma quando? - il fatale incontro con lui, Silvio.

La breve esperienza in consiglio provinciale e, infine, l’ufficializzazione del fidanzamento con Berlusconi, il 16 dicembre 2012. Ha dell’incredibile l’ascesa di Francesca Pascale, mezzo secolo in meno del suo fidanzato, che in pochi anni riesce a sbaragliare in volata le tante altre agguerrite contendenti al trono di Arcore.

Lei, che non ha il fisico della top model, né la classe o lo charme dell’aristocratica, impara subito e bene. Corsi di dizione e portamento. Perfino di bon ton. Lo stile di Francesca post "Silvio ci manchi" è lontano anni luce dalla ragazza che leccava Calippo a gogò sulla spiaggia di Varcaturo. È sobrio e riservato. Quasi da signora. Quasi da first lady."

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.