Home > Politica > Scandalo rimborsi, torna libero il consigliere Ianniciello

Scandalo rimborsi, torna libero il consigliere Ianniciello

mercoledì 15 maggio 2013, di Ida Genco


La 12° Sezione del Tribunale del Riesame di Napoli ha deciso di revocare la misura degli arresti domiciliari al consigliere regionale Massimo Ianniciello (Pdl). Il provvedimento, che era stato imposto lo scorso 20 dicembre, e stato sostituito con quello del divieto di dimora in Campania.
"Tale ordinanza", spiega in una note l’avvocato Gerardo Mariano Rocco di Torrepadula, difensore di Ianniciello,"dunque, riforma la decisione del G.I.P. di Santa Maria Capua Vetere, ove il fascicolo era stato trasmesso per la incompetenza territoriale del Tribunale di Napoli fatta rilevare dalla Difesa.
Questa Difesa è convinta che il sensibile affievolimento della misura cautelare da ultimo ottenuto sia l’ennesima prova del clima di accanimento mediatico-giudiziario durato fin tanto che il procedimento era incardinato presso la Procura partenopea. Caduta la cautela degli arresti domiciliari, l’On. Ianniciello riacquista ipso facto lo status di Consigliere Regionale". Aggiungendo che "la declaratoria di incompetenza da parte del Tribunale di Napoli che ha travolto l’instaurazione del giudizio immediato a suo tempo chiesto dal P.M., dr. Novelli, ha comportato la regressione del procedimento alla fase delle indagini preliminari, sicchè l’On. Ianniciello non è più imputato, ma riveste la qualità di indagato".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.