Home > Politica > Ai raggi X i verbali dei due seggi sequestrati. Alta tansione tra gli (...)

Ai raggi X i verbali dei due seggi sequestrati. Alta tansione tra gli scrutatori. Sereni Fiengo e Grillo.

giovedì 6 giugno 2013, di Patrizia Panico


CERCOLA. La cittadina alle porte del Vesuvio tra meno di tre giorni si appresta al ballottaggio per eleggere il nuovo sindaco e il consiglio comunale.
Ma sarà un ballottaggio celebrato tra i veleni a causa della bufera giudiziaria scoppiata a una manciata di giorni dal voto.

Due sezioni, la numero 2 e la 13, su richiesta della Procura di Nola sono state poste sotto sequestro a seguito di diverse denunce giunte ai carabinieri della locale tenenza.

Si temono brogli, alterazione delle procedure elettorali che potrebbero essersi verificate durante lo spoglio delle schede del 27 maggio: questo in sostanza il contenuto delle denunce.

Da qui l’ordine dei giudici di Nola di mettere sotto sequestro la documentazione elettorale: dai verbali alle schede, bianche, nulle e votate delle sezioni denunciate. Nei giorni scorsi sono stati, inoltre, identificati e ascoltati anche i responsabili dei seggi attenzionati, presidenti, segretari e scrutatori. Nessun indagato al momento, dicono gli inquirenti, si tratta di atti dovuti al fine di accertare eventuali violazioni.

Indagini in corso dunque, e, salvo colpi di scena, resta il ballottaggio per domenica e lunedì prossimi per i candidati Vincenzo Fiengo in corsa con Centro Democratico, Movimento democratico, Pse, Sel e Verdi e lo sfidante Salvatore Grillo del Pd e con l’appoggio della civica Cercola Città Solidale.

In città il clima non è dei migliori, dai bar alle piazze la notizia del sequestro si è allargata a macchia d’olio.
L’argomento è caldo ma non turba affatto i due protagonisti del faccia a faccia elettorale, che al contrario si dicono sereni.

Dal suo comitato in corso Riccardi, Salvatore Grillo parla in tutta tranquillità: “Noi e la mia coalizione ci sentiamo sereni - dice - siamo tranquilli e confidiamo nell’operato della magistratura. Piuttosto diamo un monito - prosegue - se qualcuno che non è stato contento del verdetto delle urne, intende alzare i toni del confronto democratico della città sappia che noi non ci saremo”.

Un messaggio che sembra andare dritto all’avversario: “Auspichiamo che le ultime vicende non vengano strumentalizzate, forse perché si teme la sconfitta. Consapevoli della nostra forza - conclude Grillo - proseguiamo la campagna elettorale parlando ai cittadini di argomenti di interesse comune dando voce al nostro progetto di governo”.

Anche il primo eletto per il secondo turno prosegue sereno la campagna elettorale: “Siamo tranquilli - dice Fiengo - la nostra campagna elettorale si è contraddistinta per i toni calmi e moderati che si sono tenuti. Sul sequestro appreso dalla stampa - spiega - ho piena fiducia nei giudici, ben venga il loro operato affinché si faccia piena chiarezza su eventuali violazioni”.

Non risparmia stilettate per gli avversari: “La nostra coalizione non ha stretto nessun accordo politico - prosegue Fiengo - a differenza di altri, noi non abbiamo fatto il mercato delle vacche vendendoci gli assessorati: siamo coerenti - conclude - e rappresentiamo il vero rinnovamento”.

Nessun accordo ufficiale ma la lista di Salvatore Calvanese, Progetto Cercola, si dichiara a sostegno di Fiengo.

di Patrizia Panico de Il Mattino area sud - costiera

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.