Home > Cronaca > Traffico internazionale di scooter rubati. Arrestate quattro (...)

Traffico internazionale di scooter rubati. Arrestate quattro persone.

martedì 7 agosto 2007, di Giovanna Salvati


CARBONARA DI NOLA - Finiscono in manette quattro cittadini di nazionalità ucraina sorpresi mentre erano intenti nel caricare su un autocarro i motoveicoli rubati.
L’operazione, si è conclusa la scorsa notte nella cittadina dell’hinterland nolano, dove già da tempo erano in atto attività di controllo territoriale sul traffico di scooter rubati.

Ore 02,30, i militari della stazione di Carbonara di Nola, si trovano in servizio di pattuglia quando notano uno strano movimento di carico di ciclomotori su un autocarro. Subito scatta l’allarme.
I carabinieri tempestivamente intimano l’alt ai quattro uomini che prima cercano di sfuggire ma di seguito bloccati, non oppongono resistenza. Scattano le manette ed iniziano i controlli. I quattro cittadini sono di cittadinanza ucraina ed erano intenti a caricare sull’autocarro già pronto per la partenza per l’Ucraina motoveicoli rubati.
Due le motociclette destinate alla partenza, entrambe di grossa cilindrata di cui una Yamaha R6 del valore di circa 15.000 euro rubata il giorno prima in provincia di Latina e un altra Honda 500, con telaio parzialmente abraso, ma altrettanto rubata. I due motoveicoli erano destinati al mercato internazionale di scooter, infatti dopo il furto venivano condotte in Ucraina e destinate alla vendita.
Tale attività risulta essere soventemente utilizzata dai cittadini di tale nazionalità i quali dopo aver trasportato moto di grossa cilindrata e di ingente valore nel loro territorio attivano tutte le pratiche per il riciclo ti tali motoveicoli e quindi per la circolazione nel proprio territorio. Il tutto frutto di organizzazioni bel collaudate e ramificate nel territorio italiano che sfruttano tale attività illecita come fonte principale di guadagno, che spesso o quasi sempre viene fiancheggiato da organizzazioni criminali della zona. Una perfetta organizzazione che in forma piramidale si occupava di tutte le fasi, dal furto al nascondiglio, dalla partenza fino al riciclo.
Insomma dopo un attenta operazione di controllo, il tour de force dei carabinieri, guidati dal Maresciallo Massimo Grimaldi porta a segno un’altra eccellente operazione .

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.