Home > Cultura > Diritto al gioco e filosofia, una lectio magistralis di Aldo Masullo in (...)

Diritto al gioco e filosofia, una lectio magistralis di Aldo Masullo in villa Bruno.

lunedì 17 giugno 2013, di La redazione


SAN GIORGIO A CREMANO. Un seminario filosofico ed una lectio magistralis del filosofo Aldo Masullo sul tema del diritto al gioco.

Su proposta del Coordinamento Educativo del Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine l’Amministrazione Comunale guidata dal sindaco Mimmo Giorgiano ha approvato la realizzazione di due incontri formativi di tipo seminariale che si terranno in settimana.

Martedì 18 giugno 2013, alle 17, presso Villa Falanga si terrà una tavola rotonda per confrontarsi sulle modalità di applicazione della metodologia della Philosophy for Children, approfondire tematiche di comune interesse, operare verifiche a consuntivo della fase sperimentale già svolta in alcune scuole cittadine.

All’incontro parteciperanno esperti della Philosophy for Children i docenti delle scuole di San Giorgio a Cremano ed alcune insegnanti del 10° circolo didattico “Ilaria Alpi” di Napoli, del quartiere Scampia, che dal 1997 hanno introdotto nella propria scuola il percorso formativo della Philosophy for Children come pratica educativa consolidata anche nella Scuola dell’Infanzia.

Mettendo in campo la progettualità in rete tra il Laboratorio Regionale Città dei bambini e delle bambine e le istituzioni scolastiche presenti sul territorio, in via sperimentale e a titolo completamente gratuito, la dott.ssa Alessandra Castaldo, Teacher expert in Philosophy for Children, formatasi presso il Dipartimento di Scienze Relazionali “Gustavo Iacono” dell’Università degli Studi di Napoli “Federico II” e presso il CRIF (Centro di Ricerca per l’Indagine Filosofica) di Roma, ha svolto periodicamente una serie di incontri presso 5 scuole cittadine: il secondo e terzo circolo didattico, e le Scuole secondarie di primo grado G. Massaia, G. Dorso, R. Stanziale.

Il progetto nato per "far filosofare" gli alunni dei diversi gradi scolastici trasformando la classe in "comunità di ricerca", ha ricevuto ampio consenso ed apprezzamento sia da parte dei bambini che dai dirigenti scolastici e docenti, che hanno espresso la volontà di continuare l’esperienza estendendola anche ad altre scuole ed altre classi per le varie finalità educative che mirano all’educazione alla convivenza democratica, all’appropriazione di competenze relazionali e comunicative di tipo argomentativo e allo sviluppo del pensiero critico-creativo e per la validità del metodo utile per molteplici scopi formativi e didattici.

Giovedì 20 giugno 2013 alle 17.30 nella Biblioteca Comunale di Cultura Vesuviana di villa Bruno Aldo Masullo, professore emerito di filosofia dell’Università Federico II di Napoli terrà una lectio magistralis dal titolo “Il gioco è una cosa seria”, destinato a docenti, genitori, amministratori e studenti che proporrà un approccio filosofico sul tema del gioco come strumento educativo come fattore di conoscenza, sperimentazione e relazione intersoggettiva, in altre parole come si può riaffermare l’estrema “serietà” e moralità del gioco rispetto alla sua attuale degenerazione in mero oggetto di consumo.

La partecipazione del saggio Masullo rappresenta un significato rilevantissimo per la città di San Giorgio a Cremano, e la Sua persona sicuramente saprà autorevolmente dare risposta alle esigenze del Laboratorio. All’incontro parteciperanno il sindaco Mimmo Giorgiano e Luisa Bossa che ha già presentato nella precedente legislatura, come prima firmataria alla Camera dei Deputati, la proposta di legge nazionale della Giornata del Gioco.

Il giorno scelto, come a San Giorgio a Cremano, è un giorno lavorativo: non per guadagnare un giorno di vacanza, ma per rompere lo schema adulto del lavoro separato dal piacere, dal gioco, dal rapporto con gli altri.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.