Home > Cronaca > Rotta una conduttura, decine di famiglie senz’acqua per 7 ore

Lavoravano al cantiere della metanizzazione

Rotta una conduttura, decine di famiglie senz’acqua per 7 ore

mercoledì 8 agosto 2007, di Gabriella Bellini


SOMMA VESUVIANA - Decine di famiglie sen’acqua per almeno sette ore. A casuare il disagio la rottura di una conduttura causata dagli operai che stanno realizzando la metanizzazione in città.

SOMMA VESUVIANA – Una disattenzione, un errore non voluto, e decine di famiglie restano in queste ore di caldo eccessivo senz’acqua. Degli operai, infatti, mentre istallavano le tubature per il metano hanno danneggiato la rete idrica lasciando così interi quartieri all’asciutto. E’ accaduto questa mattina alle 11 in via Don Minzoni, gli operai che stanno lavorando ai cantieri della metanizzazione hanno accidentalmente rotto una conduttura idrica lasciando a secco i rubinetti di via Don Minzoni, via San Sossio, via Turati, via Carmine, via Stillo, via Tavani e diverse traverse. Dalla Gori, intanto, non arrivano notizie incoraggianti: la conduttura sarà riparata entro le ore 18. Una situazione certamente non facile per le centinaia di abitanti costretti a subire il disagio, in piena estate senz’acqua l’emergenza si fa sentire ancora di più. Peggio poi quando il fenomeno sta diventando ripetitivo, nelle ultime settimane più volte le condutture sono state danneggiate e l’acqua ha smesso di sgorgare dai rubinetti. Una soluzione c’è, come suggeriscono anche i vigili urbani che con molta gentilezza (in un momento in cui nessuno si preoccupa degli utenti questa cortesia è confortante) rispondono alle chiamate dei cittadini esasperati, “comprare i serbatoi”. Già quello che è diritto deve diventare un premio per chi ha la possibilità economica di farsi istallare un serbatoio sul tetto.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.