Home > Attualità > Comunicati Stampa > Roghi Agricoli. Il sindaco Cafarelli chiama contadini e ambientalisti

Roghi Agricoli. Il sindaco Cafarelli chiama contadini e ambientalisti

Nola – Si terrà Sabato 6 luglio, alle ore 18,30, nella locale Chiesa della Congrega, l’incontro promosso dal sindaco di San Paolo Bel SitoManolo Cafarelli, insieme al Forum Ambiente Area Nolana e alla Federazione Assocampaniafelix sui roghi agricoli.

venerdì 5 luglio 2013

Nola – Si terrà Sabato 6 luglio, alle ore 18,30, nella locale Chiesa della Congrega, l’incontro promosso dal sindaco di San Paolo Bel SitoManolo Cafarelli, insieme al Forum Ambiente Area Nolana e alla Federazione Assocampaniafelix sui roghi agricoli.

Al dibattito parteciperà anche Gennaro Esposito dei Medici per l’Ambiente e Carlangelo Mauro, attivista di Assocampaniafelix. Presenti con il loro apporto anche l’agronomo Carmine Strocchia e la ‘pasionaria’Annamaria Iovino, alla presenza del Comandante della Forestale di Marigliano Geremia Cavezza, che sono stati sempre presenti negli incontri precedenti presso gli altri comuni.

“L’impegno del Forum Ambiente Area Nolana per la tutela della salute dei cittadini dell’agro nolano contro i roghi di scarti vegetali delle attività agricole non si è mai fermato – ha dichiarato Gennaro Esposito - Noi non siamo contro i contadini, ma sosteniamo alternative utili ed ecosostenibili”.

Dopo i tavoli di concertazione e di sensibilizzazione tenutisi nei comuni di Saviano, Nola e Roccarainola, si deve constatare che non tutti i sindaci hanno emesso ordinanze di divieto assoluto di abbruciamento degli scarti vegetali, e ci si aspetta che nei prossimi giorni la facciano tutti”. “Prendiamo atto che, ad oggi, solo i sindaci di Roccarainola, Cicciano, Comiziano, Scisciano. Mariglianella e San Paolo Bel Sito – ha detto Annamaria Iovino - hanno emesso ordinanze chiare di divieto di abbruciamento, mentre Nola, Cimitile, Marigliano e Tufino non lo hanno ancora fatto”. Visciano e Saviano hanno ritirato quella dello scorso annorimandando così alla legge nazionale”.

“L’atteggiamento dei sindaci indecisi come quello di Nola – continua Gianluca Napolitano del Forum Ambiente – è insostenibile, perché è un atteggiamento di arroganza, sia personale che istituzionale, che riteniamo inaccettabile da qualunque parte provenga e che ha richiesto il parere della Procura della Repubblica di Nola, che si spera in questi giorni, possa fare chiarezza sull’intera questione”. Gli ambientalisti ricordano a tutti che sull’abbruciamento pesano le note della Procura di Avellino dell’agosto 2012 e quella dell’Arpac di maggio scorso, che fanno divieto assoluto di abbruciamento all’aperto degli scarti vegetali, punito dal codice penale addirittura con l’art. 674, in quanto ‘rifiuti speciali per legge’. In queste ore si attende, altresì, l’ordinanza del Sindaco di San Vitaliano, che aveva già dato la propria adesione alle decisioni del tavolo dei sindaci.

Ufficio Stampa Forum Ambiente Area Nolana

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.