Home > Politica > Sant’Anastasia - Franco Casagrande: “ Le ragioni delle mie scelte”.

Sant’Anastasia - Franco Casagrande: “ Le ragioni delle mie scelte”.

sabato 13 luglio 2013, di La redazione


Ho sempre creduto, credo ancora, e cosi, sarà anche in futuro, nella democrazia. Trovo che sia fondamentale nella vita sentirsi parte di un progetto, e se cosi non è, meglio proseguire in ciò che si reputa giusto da soli.
Non sono originario di Sant’Anastasia, ma sono stato accolto da questa cittadina ben sedici anni fa. Si da subito mi sono sentito a ‘casa’, ed essendo la politica una tra le grandi passioni, decisi di dare il mio contributo politico affinché questa cittadina dalle numerose potenzialità, potesse migliorare.
La mia storia politica a Sant’Anastasia è nota: sono stato consigliere comunale nella secondo mandato del sindaco Vincenzo Iervolino; successivamente sono stato il primo dei non eletti sia del PD e dell’intera coalizione di centrosinistra con l’avvento dell’amministrazione di centrodestra di Carmine Pone; alle scorse ed ultime elezioni, sono stato il primo del PD, sfatando del tutto un vecchio detto: “O’ paese e’ de paisan”.
E’ recente la mia scelta di dichiararmi consigliere comunale indipendente lasciando il PD. Una scelta maturata a malincuore, dovuta al fatto di non rivedermi di non sentirmi democraticamente parte delle scelte del partito a livello nazionale.
L’evidenza del decadimento della politica è sotto gli occhi di tutti, oggi la politica ed il modo di farla si è molto modificato, al punto che la gente crede poco ai partiti, la gente vuole i fatti non parole, la gente vuole che si risolvono i problemi, poco importa se io litigo con tizio o con caio. La gente vuole vivere con un po’ di serenità: si parla solo di Imu, di Iva, e peggio ancora delle beghe giudiziarie di qualche esponente politico, ma di occupazione ‘vera’ nessuno se ne occupa .
Trovo giusto e coerente, nel mio piccolo, che un politico nazionale o di una piccola cittadina contribuisca all’evolversi del paese, per il bene dei figli e di tutti noi.
Ecco perché ho deciso di votare il bilancio
All’inizio di questa consiliatura, avevo molte perplessità in merito all’operato del sindaco Dott. Carmine Esposito, ci sono state divergenze molto forti con lui, ma alla fine, dopo attente riflessioni, ho capito che entrambi lavoriamo per lo stesso progetto, quello di vedere la nostra città (non più paese) vivibile, cercando di renderla non solo più bella, attenzione che il sindaco mi auguro trasferisca anche alle periferie.
Riflessioni su un miglioramento concreto, dove le polemiche e le diatribe personali passino in secondo se non ultimo piano, e partecipare concretamente alla possibilità di ‘costruire’ una città aperta e migliore. Queste son le motivazioni in cui credo, e che mi hanno portato oltre.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.