Home > Appuntamenti > "Liberi dall’odio" rappresentazione alla riscoperta della storia (...)

"Liberi dall’odio" rappresentazione alla riscoperta della storia italiana

mercoledì 7 maggio 2008, di Mina Spadaro


SOMMA VESUVIANA. L’Associazione di volontariato “Pensiero Libero” presenta “Liberi dall’odio”, una rappresentazione artistico-culturale alla riscoperta della storia italiana dalla Liberazione ai giorni nostri, che si terrà nei giorni 8 e 9 maggio presso la sala consiliare di palazzo Torino in piazza Vittorio Emanuele III. L’apertura al pubblico è prevista il giorno 8 maggio dalle ore 09:30 alle 13:30 e dalle ore 15:00 alle ore 18:00, e il giorno 9 maggio dalle ore 09:30 alle 13:30. L’Associazione Pensiero Libero, che ha sede presso il convento di Santa Maria del Pozzo, opera nel sociale non solo attraverso attività di recupero e diffusione della cultura, soprattutto tra i giovani, ma si adopera anche per la difesa dei diritti umani, promozione di attività solidali in aree di disagio e organizzazione di attività in difesa dell’ambiente. Con il progetto “Betlemme”, ad esempio, i volontari dell’associazione sono riusciti a donare un sorriso ed un Natale sereno ai bambini delle case di accoglienza di Marigliano. Mentre col progetto “Un giorno senza età” sono intervenuti presso la casa di riposo di Madonna dell’Arco festeggiando con gli anziani la festa di Carnevale. L’attuale progetto, “Liberi dall’odio” è realizzato in collaborazione con il gruppo artistico HYDRA e con l’aiuto della comunità di Santa Maria del Pozzo e del Commissario prefettizio di Somma Vesuviana Maria Guja Federico. Intanto già si pensa ad una rappresentazione teatrale in collaborazione con L’Unione Italiana Ciechi con protagonisti ragazzi non vedenti, ipovedenti e chiunque altro a cui faccia piacere prendervi parte.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.