Home > Cronaca > Nola diventa città d’arte

Nola diventa città d’arte

venerdì 23 maggio 2008


NOLA – Il Consiglio Comunale di Nola, nella seduta di ieri giovedì 22 maggio 2008, si è espresso positivamente in merito alla richiesta avanzata dalla giunta comunale, alla Regione Campania, per ottenere il riconoscimento dello status di “Città d’Arte e Comune ad Economia Turistica”. Il passaggio assembleare si era reso necessario in seguito alla nota della Giunta Regionale della Campania - Area Generale di Coordinamento Sviluppo Economico, indirizzata al sindaco Felice Napolitano e all’assessore alle Attività Produttive Francesco Franzese, nella quale veniva comunicata l’accettazione della richiesta inviata dal Comune di Nola, e alla quale seguirà l’atto ufficiale di Giunta Regionale di riconoscimento dello status. Atto legato al giudizio favorevole del Consiglio Comunale di Nola. “Il voto dell’assemblea, si unisce ai pareri favorevoli della Soprintendenza ai Beni Architettonici e per il Paesaggio e per il Patrimonio Storico Artistico, di tutte le associazioni commerciali del territorio e delle principali associazioni culturali nolane – ha detto l’assessore Franzese – abbiamo colmato un vuoto e reso giustizia, nella piena unitarietà di consensi, alla grandezza e alle dimensioni del patrimonio artistico, storico ed architettonico, materiale ed immateriale della città di Nola”. “Questo provvedimento – ha dichiarato il sindaco Felice Napolitano – dimostra l’incessante e certosino lavoro di questa amministrazione per favorire lo sviluppo organico dell’intero territorio, favorendo il libero mercato e stimolando le imprese artigiane e turistico culturali ad investire sempre di più nella promozione della città di Nola, contribuendo al benessere di tutta la comunità”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.