Home > Attualità > La chiesa di San Sossio festeggia i 25 anni di sacerdozio di don (...)

La chiesa di San Sossio festeggia i 25 anni di sacerdozio di don Losco

lunedì 14 luglio 2008, di Gabriella Bellini


SOMMA VESUVIANA – Una parrocchia attiva e sempre piena di entusiasmo, quella della chiesa di San Sossio, che ha festeggiato i 25 anni di sacerdozio del suo parroco: don Angelo Losco. Presenti all’evento non soltanto i molti fedeli che lo seguono nei suoi progetti (tra gli altri quello delle adozioni a distanza dei bimbi asiatici compiute grazie al riciclo dei tappi di plastica) ma anche i sindaci di Somma Vesuviana, Ferdinando Allocca e di Brusciano, Angelo Antonio Romano anche il vescovo di Nola Beniamino De Palma. Alla cerimonia, che si è svolta sul sagrato della chiesa, hanno preso parte, tra gli altri, il vicario generale della diocesi nolana, don Lino D’Onofrio, il vicario episcopale don Alfonso Pisciotta, poi don Giuseppe Gambardella, presidente della cooperativa Irene ’95, padre Giorgio Gomez, responsabile per il Messico dei missionari della Divina Redenzione, padre Germano Heneo, che dei missionari è consigliere generale. Tra le associazioni e le organizzazioni presenti, Fidapa, L’arcobaleno, i Giovani per un mondo unito, l’Ordine secolare francescano, il Movimento apostolico ciechi, l’Agesci di Pomigliano. Un riconoscimento di affetto e di stima per un prete che si è contraddistinto più volte per il suo impegno nella quotidianità dei suoi fedeli. Don Angelo, 52 anni, nativo di Avellino, è stato ordinato prete nel 1983 a Visciano, ha studiato all’Università Pontificia Lateranense, prima di assolvere le sue funzioni ecclesiastiche a Roma, in Veneto, in Colombia, a Pomigliano, e infine, dal 2004, a Somma. Dopo la morte di don Raffaele Menzione, ha rilevato il ruolo di cappellano del cimitero sommese.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.