Home > Attualità > Comunicati Stampa > Un Parco dei Regi Lagni, se ne discute giovedì a Nola

Un Parco dei Regi Lagni, se ne discute giovedì a Nola

mercoledì 23 luglio 2008, di Comunicato Stampa


NOLA – Si terrà giovedì, 24 luglio 2008, dalle ore 9,30 alle ore 13, presso Castelcicala in Nola, la “Convenzione per il Parco dei Regi Lagni – l’idea e le forme possibili”. All’iniziativa, promossa dal bimestrale di cultura e attualità “Infinitimondi”, prenderanno parte amministratori locali, associazioni, rappresentanti delle istituzioni, che saranno introdotti dal direttore editoriale di Infinitimondi, Gianfranco Nappi. Sull’idea della realizzazione di un Parco dei Regi Lagni, si confronteranno, dalle 9,30 alle 12, Massimo Menegozzo, Commissario di governo olle bonifiche; Ugo Leone, Presidente del Parco Nazionale del Vesuvio; Andreas Kipar, Architetto e Docente Universitario; Luciano Capobianco, Direttore Arpa Compania; Alfonso De Nardo, Direttore Arpa Napoli; Felice Russillo, Consigliere Delegato Api – Napoli; Gianpiero Falco, Delegato Api - project financing e investimenti pubblici; Toto Dinetti, Architetto; Luigi Anzalone, Consigliere regionale; Michele Caiazzo, Consigliere regionale; Pasquale Sommese, Consigliere regionale; Sebastiano Sorrentino, Consigliere regionale. Al termine del dibattito, si terrà una tavola rotonda conclusiva con interventi di: Michele Buonomo, Presidente Legambiente Campania; Domenico Moccia, assessore Urbanistica Provincia di Napoli; Giuliano Cannata, ingengere e docente universitario e Walter Ganapini, assessore regionale all’Ambiente. L’incontro servirà a mettere a confronto in modo aperto idee e proposte che meglio possano sostenere la realizzazione di un grande progetto come quello del Parco, verificarne la realizzabilità, i contenuti, la fisionomia istituzionale.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.