Home > Attualità > "Incendi, più risorse in finanziaria per la prevenzione e modifiche alla (...)

"Incendi, più risorse in finanziaria per la prevenzione e modifiche alla legge vigente"

sabato 25 agosto 2007


POMIGLIANO D’ARCO. Sono le proposte avanzate dal senatore del Prc e presidente della Commissione Ambiente del Senato, Tommaso Sodano per contrastare l’emergenza di questi giorni

Un´indagine conoscitiva per capire se dietro i roghi c´è una vera e propria regia criminale, un disegno di legge per modificare l´attuale legge vigente ponendo ai comuni l´obbligo di compilazione del catasto delle aree bruciate, maggiori risorse per la prevenzione in finanziaria. Sono le proposte avanzate dal senatore del Prc e presidente della Commissione Ambiente del Senato, Tommaso Sodano. "A settembre la Commissione Ambiente avvierà - spiega Sodano - un´indagine conoscitiva a tutto campo sul fenomeno degli incendi nel nostro paese. A questo punto l´obiettivo è capire se dietro i roghi c´è una vera e propria regia della criminalità organizzata, che sembra travalicare le singole regioni. Se in alcuni casi non sembrano esservi dubbi, in altri occorre un approfondimento per inquadrare questa operazione di distruzione del territorio su larga scala". Lo stesso Sodano chiede "maggiori risorse per la prevenzione degli incendi già dalla prossima finanziaria. L´appello drammatico lanciato da alcuni presidenti dei parchi naturali - prosegue - dimostra la mancanza di mezzi e fondi anche per l’ordinaria manutenzione dei parchi. Non basta a mio avviso, rafforzare i mezzi e le strutture per il contrasto degli incendi, ma occorre lavorare seriamente sul versante della prevenzione". Nella direzione della prevenzione va anche il disegno di legge presentato dal Prc per modificare alcuni punti della legge vigente, rendendo più stringente la parte della normativa sul catasto delle aree bruciate. "Nel caso in cui il comune non effettui - sottolinea il presidente della Commissione Ambiente - tramite apposito catasto, il censimento dei suoli già percorsi dalle fiamme, la Regione provvederà a sostituirsi ai comuni tramite un commissario ad Acta. I Comuni inoltre saranno obbligati a fornire entro il primo ottobre di ogni anno alla Regione e al Ministero dell’Ambiente la mappa dei terreni percorsi dagli incendi. Infine non sarà più possibile sanare infrastrutture e strutture civili ed impianti produttivi attraverso una delibera di consiglio comunale, così come avveniva per il passato".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.