Home > Speciali > Somma, nell’archivio comunale i manoscritti liturgici del XVI (...)

Somma, nell’archivio comunale i manoscritti liturgici del XVI secolo

sabato 26 luglio 2008, di Alessandro Masulli


SOMMA VESUVIANA - I manoscritti liturgici in alfabeto latino custoditi nell’archivio storico cittadino costituiscono per la nostra città un patrimonio bibliografico di rilevante valore storico e artistico. Appartenuti alla biblioteca monastica di Santa Maria del Pozzo, dispersi e smembrati nel corso dei secoli, sono confluiti nell’attuale archivio dopo una lunga odissea. Una circolare, inviata dal Prefetto di Napoli il 24 aprile 1869 al nostro Comune, decretò l’affidamento dell’intero “corpus” librario del soppresso monastero francescano alla Municipalità sommese. Questi raffinati libri di preghiera, databili tra il XV e XVI secolo, erano legati alla vita spirituale e liturgica del monastero.
Il progetto di catalogazione, che l’archivio sta inaugurando in questi mesi, intende offrire agli utenti l’intero complesso di testimonianze culturali e soprattutto sta cercando di ampliare le conoscenze su questo raro patrimonio. Tale progetto si affianca alle iniziative già avviate con la pubblicazione del Fondo Librario Speciale, grazie soprattutto all’intervento della dott. ssa Anna Rita Auriemma, che sta impegnando gratuitamente una parte della sua attività professionale nella digitalizzazione del materiale archivistico. I libri liturgici si dividono, riguardo al loro contenuto, in due grandi categorie: quelli riservati alla celebrazione della Messa e quelli riservati all’Ufficio divino o Liturgia delle Ore. Ad aprire la sezione manoscritta è l’elegante innario cartaceo del XVI secolo riccamente decorato e in scrittura gotica corale di modulo grosso. Le lettere che compongono il testo sono state eseguite a pennello e a penna: infatti, come riferisce Cinzia Pasanisi, dalla corposità delle lettere si dipartono linee sottilissime, a forme di virgola e riccioli, realizzate a penna, che si espandono oltre il segno della lettera…(1). Le iniziali dei versetti vestono di rosso, tranne la lettera iniziale del primo verso che è d’oro, ornata con decorazioni floreali stilizzate in rosso, verde e azzurro. Il manoscritto, ridotto a due soli “folii” (due recti e un verso), presenta uno specchio rigato, costituito da quattro righe tracciate orizzontalmente e verticalmente, che racchiude il campo destinato alla scrittura (2). L’inno in versetti, il noto Te deum laudamus, fu probabilmente scritto da Niceta, vescovo di Remesiana, ma la tradizione cristiana lo attribuisce ai Santi Ambrogio e Agostino. Era cantato a cori alterni Dominica ad matutinum post duodecim Lectionum, seguendo la melodia gregoriana in notazione quadrata posta sul tetragramma rosso. Normalmente gli inni sono in forma metrica e strofica, il Te Deum, invece, è liberamente versificato, di origini arcaiche e d’ispirazione salmica. Nel monastero i frati francescani conducevano una vita fatta di assiduo lavoro e regolarmente in determinate ore del giorno si riunivano in coro per lodare e ringraziare la SS. Trinità. L’uso collettivo di questi manoscritti “corali”, che dovevano poggiare su alti e grossi legii ed essere visti da molte persone, ne spiega le grosse dimensioni, la notazione e il testo molto grandi.
La nostra speranza resta legata all’immediato restauro di questi manoscritti: è indispensabile, infatti, operare un recupero dei volumi, affidandoli a un laboratorio di restauro che s’interessi sia della rilegatura esterna che delle pagine interne. Per ora ci accontentiamo di proporre la visualizzazione di queste pregevoli opere, oltre a questa breve analisi del testo. Termino, facendo appello a un intervento risolutore delle autorità politiche, affinché non si disperdano per sempre meravigliose testimonianze della nostra storia.

Note
1)Pasanisi Cinzia, I manoscritti dell’Archivio Comunale di Somma, in Summana n°25, Marigliano, Settembre 1992, Tipo-Lito “Istituto Anselmi”, 17 2)Pasanisi Cinzia, art.cit.,17

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.