Home > Politica > La Destra: "Tra Casta e consociativismo cosa è stato fatto per i (...)

La Destra: "Tra Casta e consociativismo cosa è stato fatto per i cittadini?"

sabato 30 agosto 2008


SANT’ANASTASIA - Dalla sezione de La Destra riceviamo questa lettera che pubblichiamo.

TRA CASTA E CONSOCIATIVISMO…UN POPOLO SUDDITO (?)

Dopo il momento delle frenesie, elettorali e post elettorali, che – more solito – coinvolgendo tutti fra scenari entusiasmanti, infingimenti e prevaricazioni, giunge anche quello della verità che comporta il riscontro tra quanto detto e fatto: il momento della verità.
Sant’Anastasia, il nostro paese, si trova, oggi, ad affrontare tale momento cui nessuno può sottrarsi… né i soloni della politica tantomeno i grandi accalappia tori del voto che, da sempre, costituiscono quell’unicum ( tra casta e consociativismo ) volto a consumare, solo, il tradimento dei pochi ( gli eletti ) nei confronti dei molti ( gli elettori ).
E’ il momento del POPOLO che presenta il conto…è il momento del POPOLO che pretende il risultato dell’opera e domanda: cosa è stato fatto?
Noi del movimento politico “ LA DESTRA “, donne e uomini del POPOLO ANASTASIANO, non solo domandiamo: cosa è stato fatto? Ma, di più, domandiamo: perché non è stato fatto?
Al di là delle possibili risposte, ci preme evidenziare che il nostro ruolo politico è stato e sarà, sempre, indirizzato a garantire IL CITTADINO – titolare di diritti e di doveri, come determinato dalla Carta Costituzionale -.
La POLITICA, così come NOI la intendiamo è “ il primo, fondamentale, servizio per una comunità, teso a realizzare il benessere collettivo”; ciò deve intendersi senza i posticci condizionamenti che i politici (!) nostrani praticano per garantirsi “IL GIRO PERPETUO SULLA GIOSTRA “.
A tal proposito, si evidenzia che la rappresentanza politica nelle istituzioni anastasiane è, a tutt’oggi, figlia della pratica, anacronistica, del creare il suddito ovvero il cittadino che è costretto a questuare per quello che gli è dovuto per diritto.
E’ una rappresentanza politica CASTAIOLA E CONSOCIATIVA, espressione del potere familistico che, da sempre, regna a Sant’Anastasia e…quel 20%, di nuovi soggetti, che ogni quinquennio va a sedersi sugli scranni dell’assemblea consiliare cittadina, quale servizio può rendere, per gli anastasiani, se si lascia irreggimentare…per sete di potere?
La situazione politica – amministrativa anastasiana si presenta, alquanto, deficitaria soprattutto per la parte operativa e…quel “ COMUNE SENTIRE “ che ci ha uniti durante la campagna elettorale è svanito nel nulla tant’è, anche, la parte meno impegnativa del programma elettorale è stata disattesa.
Infatti il diritto alla PARTECIPAZIONE - quale momento fondamentale per determinare il coinvolgimento del cittadino nelle scelte decisionali dell’amministrazione e renderlo protagonista - continua a restare incartato nel documento programmatico.
D’altronde quale partecipazione avremmo potuto aspettarci se già al momento della composizione dell’esecutivo di governo cittadino ( fermo restando il potere di scelta e di nomina del sindaco ) la casta si attrezzava per la sua gestione, lasciando fuori gli uomini e le idee che avevano condotto e caratterizzato la campagna elettorale?
Naturalmente non ci si poteva aspettare granché considerato che il c.d. apparentamento, avvenuto in sede di ballottaggio, con il movimento politico locale dei fratelli Esposito “ Sant’Anastasia al Centro “ era frutto più che di una condivisione di idee, di una convergenza di comodo tra opposti per far fuori l’avversario comune. Non a caso i fratelli Esposito oggi – COMODAMENTE - sono i veri protagonisti della rappresentanza politica anastasiana sia nel consiglio comunale che nell’esecutivo Pone e.. non solo perché titolari di assessorati di spessore ma anche perché con i due consiglieri comunali sono nelle condizioni di realizzare anche “ quel tutti a casa “ che il centrosinistra non è capace di portare a compimento.
NOI de “ LA DESTRA “ ci preoccupiamo di evidenziare che i ribaltoni non ci interessano e, nonostante le critiche avanzate c’è un obiettivo che ci accomuna al sindaco Pone : “ un governare pratico e fattivo per realizzare quanto più è possibile ( amministrativamente intendendosi )…per assegnare quella svolta economica - sociale - politica e culturale che gli anastasiani attendono da tempo, idonea a superare il periodo oscurantista calato su Sant’Anastasia con la ultradecennale, ininterrotta, gestione amministrativa del centrosinistra “.

E dove sta il nuovo, idoneo ad avviare la svolta, che gli anastasiani attendevano se:
<> l’attività dell’assessorato alle politiche sociale è fermo alla solita gitarella oppure ai festeggiamenti per l’apertura di un nuovo centro sociale per anziani;
<> la cittadella mariana continua ad essere il sogno degli anastasiani, dei numerosi fedeli e dei tanti pellegrini che ogni anno visita il Santuario della Madonna dell’Arco;
<> le attività culturali si riducono alla festicciola premiale per traguardi scolastici superati dal tempo oppure a reiterare quanto già vissuto, lasciando da parte questioni più importanti come quella riguardante l’acquisto dei libri che continua ad essere sostenuto dalle famiglie in attesa del buono o la biblioteca comunale che continua a non essere dotata di strutture informatiche con i necessari collegamenti internet;
<> l’azione per il rilancio delle attività produttive e dei servizi si appalesa con manifestazioni di piazza;
<> il parco Vesuvio continua ad essere vissuto come un limite e la situazione igienico – ambientale del paese è di tipo terzomondista;
<> le opere pubbliche a Sant’Anastasia sono niente più, niente meno che l’arredo urbano ( restyling di una piazza, una panchetta ed una fioreria)…così il popolo viene accontentato si pensa (?)…e cosa sono: il palazzetto dello sport, i piani di insediamento produttivi, il piano urbanistico comunale, il piano urbano del traffico, la necessità di porre in sicurezza le strade?
NOI riteniamo che la svolta può concretizzarsi solo se c’è la volontà decisa e decisiva, volta a consegnare il giusto ruolo al cittadino, svincolandolo dalla questua e liberandolo dai bisogni.
E, in questi dodici mesi non siamo rimasti a guardare tanto vero da ultimo - a proposito dell’esercizio politico di garanzia per il cittadino – abbiamo posto in discussione, con esito positivo e a vantaggio degli anastasiani, che le coperture marmoree delle tombe non sono sottoposte al regime di monopolio del project financing ma possono essere eseguite da qualsiasi ditta che abbia i requisiti di legge e sia iscritta all’albo delle imprese…con i consequenziali risparmi economici determinati dalla libera concorrenza.
Imperterriti continueremo la nostra battaglia contro tutte le caste per un popolo sovrano e libero dai bisogni.

SEZIONE DI SANT’ANASTASIA
WWW. LADESTRANAPOLIEST.IT

Messaggi

  • faccio una valutazione sulla lettera denuncia fatta dalla "la Destra" veramente nessuno se ne reso conto quello che dite, questa e sempre una solita regia lo ho anche affermato a varie risposte su queste rubriche,e a nembo kidd specialmente,sant’anastasia e governata da questi politici,Pone,fratelli Esposito, Di Marzio, Beneduce,Granata, Capuano,Dobellini,Coppola manfellotti,Ceriello il muto,Jervolino,ecc,ecc molti prima di ogni elezioni cambiano casacca, quale centrodestra e centrosinistra,vi dico di non parlare sempre della cittadella mariana, quando c è una periferia che muore,strade sporche di immondizia, alvio santo spirito puzza,maiali e mucche in via pomigliano, ve lo dimenticate,un buon amministratore pensa sopratutto alla tutta la città e non in parte come dite voi,mi ci vorrebbe tanto spazio per elencare le cose da fare ve le dico un po alla volta .vi saluto sasso

    • e cosa c’entrano adesso i maiali e le mucche di via pomigliano proprio non comprendo, al signore che ha scritto queste cose vogliamo ricordare che i maiali e le mucche (di cui il signore parla con disprezzo) sono allevamenti che esistono prima degli insediamenti civili per cui se qualcuno ha deciso "illo tempore" di dare luogo a concessioni abitative la colpa non è degli allevatori.
      E poi come sempre si da la colpa alle"puzze", ma mi scusi lei dove era quando nel nostro paese alcuni "signori" smaltivano sostanze chimiche "inodori" che certamente non puzzavano e lei borghese piccolo piccolo dovrebbe sapere che è li l’origine dell’aumento dei tumori secondo i dati OMS nella provincia di napoli.

      Comunque siamo solidali con la DESTRA ANASTASIANA di cui seguiamo attentamente il percorso politico-culturale e incoraggiamo la loro azione politica sul territorio

    • capisco che da fastidio quando si parla di realta,ma voi rimanete sempre gli stessi-ma la domanda e cosi semplice, voi della "La Destra"ribatite che questa Amministrazione non ha dato risposte che in campagna elettorale ha promesso, specialmente per voi di Madonna dell’Arco,la città mariana,cosa vi aspettavate, per quanto riguarda i maiali e le mucche centrano , non capisco perchè le Amministrazione prima e dopo non hanno risolto questo problema,puzza dapertutto volete difendere chi, in quasiasi paese le avrebbero sistemate altrove, chi viene a Sant’Anastasia non è un biglietto di visita,il paese lo si vive a 360°,La Destra" soltanto a Madonna dell’Arco.vi saluto Sasso

    • sasso ( nick ),
      mi pregio farti osservare che della tua valutazione (?)non si comprende nulla e, comunque volendo procedere ad uno sforzo interpretativo,si presenta poco sintonica - anche se avanzata con volontà spiccatamente critica o di parte, senza riuscirci - al contenuto del documento politico de " LA DESTRA ".
      Evidentemente non hai letto con attenzione il testo pubblicato da " LA DESTRA " che non è una denuncia ma la constatazione di una realtà.
      A tal proposito domando:questa verità ti
      crea disagio?
      Dire, tanto per dire non giova a nessuna causa tantomeno al nostro paese che, ancorato politicamente a questioni di casacca, non riesce a superare l’attuale condizione di stallo in cui è stato riposto.
      D’altronde, solo chi è libero può osare nel chiedere il cambiamento, la svolta;
      solo chi rifugge dalla logica del TOTEM può decidere senza soggiacere alla volontà del capo dell’accampamento o all’interpretazione dello stregone.
      La storia di Sant’Anastasia è ancora da scrivere e sono certo che LA DESTRA ha donne e uomini dotati del giusto entusiasmo e delle capacità necessarie per concorrervi a scriverla e sarà... una bella storia.
      Mi permetto, altresì,evidenziarti che proprio gli appartenenti a LA DESTRA hanno affrontato la quaestio " lotta agli sprechi " ed a tal proposito ti invito a documentarti ( vedi da ultimo la campagna elettorale ) " MENO SPRECHI, PIU’ RISORSE PER LE FAMIGLIE ANASTASIANE ".
      Perciò chi clona l’azione politica de LA DESTRA non può che lasciare turbati perchè sintomatico di mancanza di idee.
      Saluti,MACIGNO.

    • ciao macigno,
      noto che tu e "La Destra"la tua compagina politica,critica l’amministrazione comunale in modo viscerale,e che io non sono stato attento nella lettura denuncia,ma io ho ribatito che Sant’Anastasia ormai ègovernata da politici ripeto o cosidetti politici di oltre 25 anni chiariamoci sia di centrodestra sia centrosinistra (Sindaco Pone,centrosinista poi centrodestra Vice Sindaco prima di centrosinista poi di centrodestra, beneduce prima di centrosinistra poi di centrodestra, Di Marzio prima di centrodestra poi di centrosinistra poi di centrodestra,mi fermo perchè l’elenco e lungo, vi domando come fate per cambiare questi sigg,ripeto Medici;Avv,Ing,)ma il progamma elettorale sbandierati e sottoscritti al metropolitan dove stà, ma una compagine nuova come "La Destra"
      voglia di mettersi in gioco,con denuncie manifesti ed altro, ma quando si parla del paese dove si vive, si deve mettere in evidenza tutte le problematiche di Sant’Anastasia,ecco perchè ritengo non fermarsi soltanto alla "Città Mariana"saluti Sasso

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.