Home > Attualità > Comunicati Stampa > Contro il caro prezzi il Comune promuove il mercatino dei libri (...)

Contro il caro prezzi il Comune promuove il mercatino dei libri usati

mercoledì 17 settembre 2008, di Comunicato Stampa


San Giorgio a Cremano - Per contrastare l’aumento del costo della vita e venire incontro alle esigenze di centinaia di famiglie, anche quest’anno l’Amministrazione Comunale promuove il mercatino dei libri scolastici usati.
“Gli studenti di ogni età potranno vendere e scambiare i propri libri scolastici usati dalle ore 9 alle ore 13.30 nell’area pedonale di via Cupa San Michele, nei pressi di via Manzoni il 21 settembre e nelle due domeniche successive. – spiega l’assessore alla Scuola e all’Infanzia Luigi Bellocchio – Dopo il grande successo dello scorso anno abbiamo deciso di concentrare l’iniziativa in un solo luogo della città: ci aspettiamo una affluenza di centinaia di ragazzi e di loro genitori.”
“Vogliamo offrire a tutti gli studenti e alle loro famiglie il nostro contributo contro il caroprezzi e per rendere effettivo il diritto allo studio di chi non ha molti mezzi economici per far fronte all’acquisto di tutti i libri necessari durante l’anno scolastico. – afferma il sindaco Mimmo Giorgiano – Come ho già avuto occasione di dire alla città in occasione del mio messaggio augurale per l’avvio della scuola, auspico è che quello che parte sia un anno che serva non solo a far fare agli studenti un passo avanti nel corso di studi ma anche ad ampliare esperienze, conoscenze e rapporti umani. Sono fermamente convinto che la sfida decisiva che abbiamo davanti è quella di costruire una scuola di tutti e per tutti, una scuola di qualità, capace di accompagnare i nostri bambini e i nostri giovani nell’avventura della conoscenza e della crescita della loro persona”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.