Home > Appuntamenti > Adozioni a distanza: se ne parla a Sant’Anastasia

Adozioni a distanza: se ne parla a Sant’Anastasia

giovedì 18 settembre 2008


SANT’ANASTASIA. Per il secondo anno consecutivo sarà “messo in piazza”, a Madonna dell’Arco, il tema delle adozioni a distanza. Domenica 21 settembre, infatti, a partire dalle ore 10.00, alcune famiglie anastasiane saranno a disposizione di famiglie e cittadini per dare spiegazioni e invogliare a contribuire a sostenere progetti di adozione a favore di bambini del Vietnam. In appositi stand sarà reperibile materiale informativo e contemporaneamente saranno proiettati filmati illustrativi dei progetti in corso, sarà, inoltre, possibile fare offerte per dolci, marmellate, liquori e prodotti “fatti in casa”, con ingredienti rigorosamente controllati e provenienti da Agerola e Sant’Anastasia, tra cui i limoni e la regina delle albicocche: la rinomata pellecchiella. “Famiglie insieme” è il titolo dato all’evento, che è nato dall’esigenza di far conoscere una realtà territoriale che opera da anni in collegamento con il Movimento Famiglie Nuove e dare testimonianza dei valori che la famiglia ancora oggi può trasmettere, soprattutto se si inserisce nel contesto della società in maniera propositiva e positiva. “Ringrazio l’Amministrazione Comunale, e in particolare il Sindaco, Carmine Pone, per il contributo e il sostegno dato all’adozione a distanza – dice Anna Torino, a nome delle famiglie - e un grazie sentito va anche a tutti coloro che hanno collaborato. Oggi la società, in generale, assiste inerte alla disgregazione della famiglia, “cellula fondamentale della società”, e la testimonianza di famiglie aperte e desiderose di attivare esperienze positive, è, spero, un piccolo esempio per una società che dovrebbe essere più impegnata nel sociale”.
“E’ un’iniziativa valida – afferma l’assessore alla Cittadella Mariana, Luigi De Simone – soprattutto perché va nel senso della riscoperta dei nostri valori, cresciuti e rafforzatisi in un territorio che esprime di per se un valore dovuto alla presenza del Santuario Mariano di Madonna dell’Arco. La famiglia, primo luogo di aggregazione, è una piccola società ed ha un compito, tra l’altro, cui si ispira anche il progetto dell’Amministrazione: quello di tramandare i valori riscoprendone le radici, culturali, educative, artistiche e sociali. La nostra comunità ha diritto di riappropriarsi delle nostre radici, che hanno tesori inestimabili da far, almeno, conoscere alle nuove generazioni”. Anche i più giovani parteciperanno all’evento, con un teatrino che presenterà una storia in tema familiare e sarà l’attrazione per i più piccoli che si troveranno in piazza con i loro genitori.
Il movimento Famiglie Nuove, nato nel 1967, espressione del Movimento dei Focolari di Chiara Lubich, è una realtà presente nei cinque continenti e nei suoi quasi quarant’anni di vita ha lavorato per mettere a punto un nuovo modo di essere famiglia e una innovativa cultura familiare costruita lungo quattro linee guida: educazione, formazione, socialità e solidarietà.
Famiglie Nuove è una delle prime realtà associative in Italia ad aver messo in atto la forma semplice e diretta di cooperazione allo sviluppo, denominata attualmente ‘sostegno a distanza’ (SaD), col significato di una solidarietà specifica per l’infanzia svantaggiata di Paesi in via di sviluppo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.