Home > Cronaca > Guida ubriaco e aggredisce un maresciallo, in manette 48enne

L’uomo di San Paolo Belsito viaggiava in sella ad un ciclomotore sequestrato

Guida ubriaco e aggredisce un maresciallo, in manette 48enne

giovedì 30 agosto 2007, di Gabriella Bellini


NOLA – Aveva deciso di mettersi alla guida nonostante avesse bevuto, e la sua reazione spropositata davanti ad una pattuglia gli è costata il carcere. E’ accaduto a Gerardo Cava, 48 anni di San Paolo Belsito, l’uomo (già noto alle forze dell’ordine) è stato fermato dai carabinieri ma ha reagito ferendo anche un militare. Così è stato arrestato per resistenza, violenza, lesioni a pubblico ufficiale e per guida in stato di ebbrezza. I militari dell’Arma di Nola quando hanno individuato Cava stavano svolgendo un servizio di controllo per la prevenzione e la repressione dei reati relativi alle violazioni del codice della strada quando si sono accorti che l’uomo che li precedeva in sella al suo ciclomotore procedeva con un’andatura indecisa e non indossava il casco. Il 48enne è stato fermato ed invitato a seguire i militari per la compilazione del verbale, ma mentre gli contestavano le violazioni di cui si era reso responsabile ha, prima, cominciato ad inveire con i carabinieri e poi ha addirittura aggredito un maresciallo colpendolo con una testata allo zigomo destro, procurando al militare una contusione giudicata dai medici guaribile in 5 giorni.
I seguenti accertamenti hanno verificato che Cava aveva bevuto (ed il valore alcolemico del test era pari a 2,85 mg/l) oltre al fatto che il ciclomotore su cui viaggiava era stato sottoposto a fermo amministrativo dai carabinieri della stazione di San Paolo Belsito il 20 agosto. L’uomo è stato è stato arrestato e’ accompagnato nella propria abitazione agli arresti domiciliari in attesa di rito direttissimo.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.