Home > Attualità > Comunicati Stampa > Brusciano appende il “Nastro Rosa” aderendo alla iniziativa LILT per la (...)

Brusciano appende il “Nastro Rosa” aderendo alla iniziativa LILT per la prevenzione dei tumori al seno

mercoledì 8 ottobre 2008, di Comunicato Stampa


BRUSCIANO. Anche quest’anno, durante il mese di Ottobre, si svolge la campagna mondiale “Nastro Rosa” di prevenzione del tumore al seno promossa in Italia dalla LILT, Lega Italiana per la Lotta contro i Tumori. L’interesse e la dovuta attenzione che il Comune di Brusciano ha riservato negli ultimi tempi al tema della prevenzione e più in generale della salute è testimoniato da una serie di iniziative a carattere divulgativo, quali incontri-dibattiti e manifestazioni, che sono state fin qui promosse (tossicodipendenza, ambiente e salute, donazione degli organi). Pertanto, l’amministrazione ha accolto con grande favore questa importante campagna di prevenzione dando la propria completa e totale adesione. Un’ iniziativa, come si diceva sopra, sostenuta dalla LILT, una associazione che da quasi un secolo è impegnata nella promozione della salute e nella diffusione di una corretta cultura della prevenzione oncologica, ma che parte da lontano, precisamente dagli Stati Uniti nel 1989. Una campagna iniziata in America grazie alla Fondazione Estèe Lauder e sostenuta principalmente da Evelyn Lauder, membro del consiglio di amministrazione del centro tumori “Memorial Sloan-Kettering Cancer Center” di New York, essa stessa colpita da questa malattia tipicamente femminile. Grazie a questa campagna, durante il mese di Ottobre, le donne possono prenotare una visita senologica gratuita telefonando al numero verde 800-998877 oppure ad una delle sedi provinciali della LILT (per la sede di Napoli il numero telefonico è lo 081/5465880 da contattare nei giorni feriali dalle 9.00 alle 17.30).
Il presidente della LILT Napoli, il prof. Adolfo D’Errico Gallipoli, direttore della U.O.C. di Radiodiagnostica II dell’Istituto Nazionale Tumori di Napoli “Fondazione Pascale” ha dichiarato “ampia disponibilità alle istituzioni locali, ed in particolare al comune di Brusciano, affinché il messaggio venga portato soprattutto tra le giovani e le giovanissime donne perché l’anticipazione diagnostica diventi un fattore culturale e di conseguenza uno stile di vita”. Ha poi continuato dicendo che “siamo soddisfatti che negli ultimissimi tempi in Regione Campania non vi è più migrazione sanitaria per patologie oncologico-senologiche, il che dimostra che gli sforzi sostenuti sia dalle associazioni di volontariato che dalle strutture sanitarie sono stati premiati dai cittadini. Ci auguriamo che quanto prima possano operare a pieno regime le “Breast Units” regionali per far si che anche le popolazioni che risiedono a maggiori distanze dai grossi centri possano fruire più agevolmente delle indagini tese alla prevenzione o alle eventuali terapie senologiche”.
Il sindaco di Brusciano, dott. Angelo Antonio Romano, nel ringraziare il prof. D’Errico Gallipoli per la sua disponibilità, “si è augurato che questa iniziativa sia solo il primo passo di una lunga e proficua collaborazione tra il Comune e la LILT per quanto concerne la prevenzione oncologica. A tal riguardo ha invitato la LILT Napoli ad organizzare a Brusciano una giornata incentrata sul tema della prevenzione che sia rivolta alle scolaresche del comune e che veda la partecipazione dei genitori e dei docenti”.
Il vice sindaco ed assessore all’igiene e sanità del comune di Brusciano, dott. Vincenzo Cerciello, ha espresso “viva gratitudine per l’instancabile lavoro che da tantissimi anni la LILT svolge nella lotta contro i tumori ed in particolare per la lodevole iniziativa che porta avanti concretamente in favore delle donne” ed ha auspicato “la più ampia adesione delle stesse a questa importante campagna di sensibilizzazione, informazione e prevenzione oncologico-senologica”. Ricordando, tra l’altro, “che la diagnosi precoce rappresenta l’arma più efficace per combattere il cancro, in particolare quello al seno”. Il vice sindaco ha, infine, posto l’accento “sul contributo che le amministrazioni locali possono e debbono dare sul versante della promozione e del sostegno a quelle iniziative che diffondono la cultura della diagnosi precoce dei tumori e più in generale che attendono alla salute dei cittadini”. Di tutto ciò la Cittadinanza è informata con pubblici manifesti.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.