Home > Attualità > Comunicati Stampa > Regione, Silvestro (Idv): "No alle dimissioni dell’Assessore alla (...)

Regione, Silvestro (Idv): "No alle dimissioni dell’Assessore alla Sanità"

venerdì 10 ottobre 2008, di Comunicato Stampa


NAPOLI - "Il percorso compiuto per rimettere in ordine i conti della sanità
campana ha dato risultati importanti di cui il Governo non può non
tenere conto in sede di decisione per un eventuale commissariamento.
Ove mai venisse adottato, questo provvedimento si rivelerebbe
profondamente ingiusto, atteso che anche il sottosegretario al
Welfare, Ferruccio Fazio, in una dichiarazione alla stampa, ha
elogiato l’ottimo lavoro fatto in Campania". Così Cosimo Silvestro,
capogruppo Idv al Consiglio Regionale della Campania.

"Non condivido la polemica innescata da chi chiede a gran voce le
dimissioni dell’Assessore Angelo Montemarano (nella foto), additandolo come unico
responsabile dello sfascio. La classe dirigente deve, invece,
dimostrare di essere unita sulla strada del rigore e della
trasparenza, avendo come unica preoccupazione quella di assicurare la
maggiore qualità possibile dei servizi offerti all’utenza".

"In questi anni l’Assessore Montemarano ha compiuto un autentico
miracolo, raccogliendo una sanità sull’orlo del fallimento ed avviando
un lento processo che, sia pure tra difficoltà innegabili, sta
lentamente risollevando le sorti del settore. Il che, in termini
pratici, significa eliminazione totale degli sprechi e contrazione
delle spese superflue per privilegiare le esigenze reali dei
cittadini. La decisione del Governo, attesa per i prossimi giorni, non
potrà non tenere conto di quanto si è fatto per tenere sotto
controllo la spesa sanitaria della Regione Campania" – ha concluso il
capogruppo Silvestro.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.