Home > Cultura > Brusciano, la rivalutazione del territorio continua con l’apertura di villa (...)

Brusciano, la rivalutazione del territorio continua con l’apertura di villa Matteotti

sabato 18 ottobre 2008, di Gabriella Castiello


BRUSCIANO - Riqualificare e rivalutare le aree abbandonate. Con questo motto l’Associazione Vesuvius intende ridare vita a tutti i luoghi della periferia bruscianese abbandonati nelle mani di tossicodipendenti, cani randagi e discariche all’aperto.

Nella I edizione de “I Percorsi dell’Arte” l’associazione ha già confermato il suo buon nome con la rivalutazione del viottolo A. Vespucci. Ma non intende fermarsi. Continua, infatti, il suo cammino riportando alla luce la villa di Via Matteotti adiacente alla parrocchia di Santa Maria delle Grazie. “Incantesimo Bruscianese”. Questo il titolo dato all’evento che si terrà domani 19 ottobre nella splendida villa chiusa da anni e che proprio domani sarà riaperta e riconsegnata ai cittadini. Una manifestazione che si preannuncia suggestiva e affascinate e che avrà inizio alle ore 19.00 con la degustazione di prodotti tipici e bevande pregiate. La manifestazione sarà condotta dalla giovane presentatrice Veronica Vecchione e vanterà la presenza del Trio Rosolino. Ancora musica con balli latini della Nuova Compagnia De Tango Argentino e con la speciale partecipazione di Marcello Colasurdo, voce leader del gruppo “E Zezi”. Direttamente da Radio Marte, invece, i famosi cabarettisti “I Chiattoni Animati”. Ciliegina sulla torta Ilaria Mennozzo, attrice della rinomata fiction napoletana “Un posto al Sole”. Domani sera un sogno che si realizza anche alla fattiva collaborazione del Comune di Brusciano, che insieme alla Vesuvius sono pronti a scommettere sulla riuscita di un evento di importante rilevanza sociale e culturale.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.