Home > Attualità > Comunicati Stampa > Caiazzo: “Un Paese che vuole crescere deve investire in ricerca, istruzione, (...)

Caiazzo: “Un Paese che vuole crescere deve investire in ricerca, istruzione, cultura”

giovedì 23 ottobre 2008, di Comunicato Stampa


POMIGLIANO D’ARCO - “Queste scelte sulla scuola e sul federalismo andranno a colpire ancora di più le famiglie. Non saranno solo la famiglia e la scuola a risentirne, ma a lungo termine sarà l’intero sistema Italia a subire una mazzata gigantesca”. Lo ha dichiarato il consigliere regionale del PD, Michele Caiazzo intervenendo alla conferenza “SOS Scuola” organizzata da Pomigliano Democratica e svoltasi presso l’aula consiliare del Comune.

“Purtroppo i provvedimenti che si stanno per adottare – ha proseguito Caiazzo – ci condurranno nel tempo alla cancellazione della scuola materna. Bisogna riflettere molto attentamente e questo lo deve fare soprattutto la politica. Conoscere per deliberare”. Caiazzo è stato molto chiaro nell’affermare che “ è sbagliato usare parole offensive verso questo o quel ministro - ha continuato il consigliere – ci deve essere un confronto costruttivo. Sulla scuola deve essere sempre vivo il confronto perché l’obiettivo deve essere quello di migliorare il sistema scolastico. Allo stesso tempo credo che non siamo dinanzi ad una riforma ma siamo dinanzi ad una controriforma. Adesso si taglia rimandando le decisioni ai rispettivi regolamenti ed alle Regioni, sapendo che non ci saranno i fondi per tutti i plessi scolastici”. Il consigliere regionale ha concluso ricordando l’importanza “di investire sulla scuola, sulla ricerca e sulla cultura. L’Ocse ci dice che i Paesi – ha concluso Michele Caiazzo - che investono di più nell’istruzione, nella ricerca, nella cultura sono quei Paesi che avranno una crescita economica”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.