Home > Attualità > Comunicati Stampa > Pollena, dieci "nonni civici" in servizio da venerdì 10 novembre

Pollena, dieci "nonni civici" in servizio da venerdì 10 novembre

mercoledì 5 novembre 2008, di Comunicato Stampa


POLLENA TROCCHIA - Dieci «nonni civici» in servizio da lunedì 10 novembre. Sono tutti cittadini di Pollena Trocchia, di età compresa tra i 60 e i 75 anni, che hanno scelto di impegnare il proprio tempo libero nel sociale. Le domande pervenute in municipio sono 21, la graduatoria definitiva sarà affissa all’Albo Pretorio venerdì 7 novembre. Per la scelta degli anziani che andranno a prestare servizio di vigilanza presso gli istituti scolastici del territorio, per due ore al giorno. Il servizio, promosso dagli assessori Giuseppe Campajola (politiche sociali) e Giovanni Onore (istruzione), in forza all’esecutivo del sindaco Francesco Pinto, è finalizzato a incentivare l’impegno degli esponenti della terza età nel sociale,oltre che alla tutela dell’infanzia e delle giovani generazioni. «E’ prezioso l’apporto che tanti anziani danno quotidianamente in campo sociale – dice il sindaco Pinto – i “capelli bianchi”, infatti, non significano solo bisogno di cura e assistenza, ma rappresentano una vera e propria risorsa per la comunità. Gli anziani custodiscono la memoria del passato, hanno tempo libero da investire e soprattutto hanno voglia di dare un contributo reale per rendere migliore il posto in cui vivono». Il nonno civico svolge funzioni di vigilanza e sorveglianza occupandosi dell’entrata e dell’uscita dei bambini, aiutandoli nell’attraversamento della strada e vigilando sui comportamenti degli automobilisti più indisciplinati. Fondamentale, sul campo, la collaborazione con i genitori per evitare la sosta selvaggia e l’ingolfamento dello spazio di fronte all’ingresso.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.