Home > Attualità > Comunicati Stampa > La "maratona a tavola" fa tappa a Pollena

La "maratona a tavola" fa tappa a Pollena

martedì 11 novembre 2008, di Comunicato Stampa


Pollena Trocchia - “Maratona a Tavola”, l’unica manifestazione enogastronomia itinerante del mondo, fa tappa all’Istituto Professionale Alberghiero di Stato “Ugo Tognazzi” di Pollena Trocchia. Trentunesima edizione, 3187 tappe svolte in tutto il globo, la gara, iniziata ieri, si concluderà con la premiazione alle 12 di domani. Alla kermesse possono prendere parte professionisti, dilettanti e alunni delle scuole alberghiere, purché si presentino in divisa da chef e utilizzino prodotti fabbricati rigorosamente in Europa. Primi, secondi, antipasti, pizze “nuove” (una gara speciale per la “pizza acrobatica”), occasione unica per i pasticcieri che possono gareggiare con un dolce a tema su Pollena Trocchia, gelati, prodotti da agriturismo, cocktail, pane e molto altro. Per le gare e per ogni categoria, ci sarà, come da votazione della giuria, un primo, un secondo ed un terzo classificato. Tutti riceveranno l’attestato di partecipazione. Domani, alle 12, sarà in giuria anche il sindaco di Pollena Trocchia, l’avvocato Francesco Pinto e la kermesse sarà ripresa dalle telecamere di Rai Uno.

Tra le categorie: cucina degli antichi romani, cucina afrodisiaca, cucina dei conventi, cucina medioevale.

”Siamo lieti di accogliere nella nostra città, che pure ha una lunga e rispettabilissima tradizione culinaria e che ospita un istituto alberghiero dal quale ogni anno escono ottimi chef – dice il sindaco Pinto - una manifestazione di rilievo internazionale che diffonde nel mondo suggestioni e novità gastronomiche”.

La finalissima europea della Maratona a Tavola si terrà dal 23 al 27 novembre 2008 alla Masseria Ruotolo di Cassano Murge (Bari).

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.