Home > Speciali > Bilancio partecipato, 5mila questionari per coinvolgere gli anastasiani (...)

Bilancio partecipato, 5mila questionari per coinvolgere gli anastasiani nelle scelte del Comune

mercoledì 19 novembre 2008, di Gabriella Bellini


SANT’ANASTASIA - Un questionario da distribuire nei negozi, negli studi medici e negli uffici comunali, è questo lo strumento scelto dall’amministrazione comunale per far partire il progetto del Bilancio Partecipato. Nove domande che riguardano i giovani, le periferie, i parcheggi, la cittadella mariana, insomma argomenti sui quali la giunta di centrodestra ha deciso di coinvolgere i cittadini. "I cittadini anastasiani", spiega l’assessore al Bilancio, Armando Di Perna, "potranno fornire un suggerimento, effettuando in prima persona scelte che saranno decisive per la predisposizione del Bilancio 2009. In molte realtà comunali, italiane ma soprattutto sudamericane, che poi è la terra d’origine di questo innovativo provvedimento, il Bilancio Partecipato è una realtà consolidata, che coinvolge centinaia di migliaia di cittadini e che porta all’adozione di provvedimenti condivisi e soddisfacenti esigenze comuni. Altri Enti hanno provato ad attivarlo preoccupandosi soprattutto delle risorse necessarie per renderlo noto ai cittadini, noi invece senza alcuno spreco di risorse abbiamo pensato al questionario. Le aree di intervento sono le più comuni dell’attività amministrativa: l’urbanistica, con particolare riferimento alle periferie e alla “cittadella mariana”; i lavori pubblici; la cultura; le politiche sociali, con un occhio particolare ai giovani; il commercio; l’ambiente. Le domande presenti sul format rappresentano solo un punto di partenza, un input per il cittadino che avrà poi spazio per esprimere suggerimenti e valutazioni personali. Inoltre, in questa prima fase di raccolta dati, verranno organizzati dibattiti pubblici per conoscere e condividere idee e suggerimenti delle associazioni presenti sul territorio o di semplici gruppi di cittadini". Tra qualche giorno gli amministratori incontreranno anche i commercianti e le associazioni anastasiane per valutare anche le loro proposte. Alla fine della raccolta dati, intorno al 10 dicembre, il Comune valuterà le richieste pervenute e si muoverà di conseguenza, sempre tenendo conto dei fondi a disposizione. "Tutte le informazioni acquisite, opportunamente vagliate e confrontate con le disponibilità finanziarie", aggiunge Di Perna, "saranno discusse e proposte nell’adozione del prossimo Bilancio Comunale, che speriamo possa essere il frutto di scelte condivise e concrete". Sarà possibile rispondere al questionario anche on line, basta collegarsi al sito del comune www.comunesantanastasia.it e compilare il modulo.

Messaggi

  • Se li potevano risparmiare questi soldi dei questionari,tanto il Sindaco fa sempre quello che vuole,tanto i suggerimenti verranno buttati nella discarica.
    Tutti i suggerimenti dati in questi 18 mesi di amministrazione quali sono stati adottati.
    Caro ass. Di Perna non ci finisce di prendere in giro,queste parole le abbiamo sentite già un’anno fà.
    Abbiamo un paese in ginocchio,strade che fanno schifo,verde totalmente abbandonato,raccolta differenziata che il sindaco dice che va bene,ma tutti compreso l’ass.coppola ci dobbiamo fare un giro per il paese quanto si ritira la plastica e la carta, e ci rendiamo conto del rendimento di questa amministrazione.

    franco casagrande

    • Casagrande hai ragione. Il bilancio partecipato non si fa in questo modo e questo appello alla cittadinanza ‘ NON DEVE CHIAMARSI BILANCIO PARTECIPATO MA UNA PRESA ..........’.
      Nembo Kidd

    • Ass.Di perna non si faccia mettere le parole in bocca dal suo sindaco,penso proprio che questo bilancio difficilmente sarà approvato,avete dimostrato il peggio della politica.
      Avete disilluso tutte le persone che credevano in voi,sei giovane abbia il coraggio di andartene da questa baraonda di amministrazione,in questi 18 mesi avete mandato un paese in coma.

      ANONIMO MOLTO CONOSCUTO

    • Gentile Assessore Dott. Di Perna, intervengo privatamente per esporLe un annoso problema che affligge me e tanti Anastasiani della zona alta del Paese.Circa quindici anni orsono, quasi tre lustri, proposi all’allora Sindaco Iervolino, per la risoluzione definitiva del problema del serbatoio a monte, il nominativo del Prof.Ernesto De Felice, allora Professore all’Università di Napoli di Macchine Sollevamento e Trasporto ed oggi Presidente dell’Associazione Ingegneri di Napoli, mio Amico.
      La politica di centro sinistra di allora, come vede uso la ‘p’ minuscola volutamente, preferì assegnare l’incarico allo strutturista Dott.Ing. Giordano Andrea.
      Il risultato oggi evidente è sotto gli occhi di tutti. L’acqua alle abitazioni delle zone alte di S.Anastasia arriva soltanto di notte e qualche volta neppure arriva.
      Io personalmente fui costretto all’epoca ad istallare serbatoi ed autoclave per il rifornimento idrico al piano rialzato. Da allora, e sono trascorsi quasi tre lustri, sono costretto ad acquistare bottiglie e cassette di acqua minerale per uso potabile nonché acqua minerale liscia per gli usi domestici. Non Le dico del consumo dell’energia elettrica che sopporto con ingenti esborsi all’Enel bimestralmente.
      Vede se fossi stato in AFRICA questo problema, di primaria importanza, gli AMMINISTRATORI del luogo lo avrebbero già risolto. Oggi, Lei e la nuova giunta, quando prevede di far avviare dalla ARIN, nella quale società e Consiglio di Amministrazione ci sono fior fiore di Anastasiani inseriti, i serbatoi posti a monte di piazzetta S.Antonio?
      Dovrò aspettare ancora altri tre lustri?
      Il Suo bilancio partecipato prevederà l’esborso delle somme necessarie perché tanti anastasiani, mi riferisco a quelli che si trovano nelle zone alte del paese, cioè i vecchi anastasiani doc, finalmente usufruiscano del bene primario , L’ACQUA , oggi che ci troviamo nel terzo millennio?
      Aspetto una Sua sollecita risposta che La obbliga pubblicamente a rispettare l’impegno assunto e cordialmente La saluto.
      ing. Mario Merone

    • Caro Ing.Merone conosco personalmente l’ing.De Felice grande persona,ed di una induscussa professionalità,quello che progetta non ha uguali.
      Per quanto riguarda il serbatoio a monte,è vero che ci sono stati dei ritardi enormi dovuti a tanta burocrazia,e a tanta incapacità di qualcuno.
      Ma nell’ultimo consiglio comunale,il sindaco Pone disse che eravamo arrivati alla completezza dell’opera,quanto prima sarebbe andato in funzione per sodisfare l’esigenze dei cittadini a monte.
      Ma ho i mie dubbi conoscendo la politica di questa amministrazione,fatta di soli annunci ma niente di concreto.

      franco casagrande

    • Esimio Signor Casagrande, come vede la Politica, quella vera con la ‘P’ maiuscola, quando è fatta con Amore non teme il colore di appartenenza, bianco, rosso o nero che sia.
      Riscontro con piacere che l’Ing. De Felice, da una vita mio Amico, ma Valente Professionista quanti altri mai, sia anche Suo Amico e conoscente.
      All’epoca, però, la Giunta Iervolino ed il colore rosso della stessa gli preferirono altro Professionista.
      Mi auguro ora che gli impegni della nuova Giunta , così come Lei riporta, e le parole dettate dal Signor Sindaco in Sede Consiliare siano finalmente foriere di Verità. Auguro all’Assessore in carica di porre in Bilancio le spese necessarie a garantire alla Cittadinanza Anastasiana il vero bene primario, l’ACQUA.
      Cordialmente ing. Mario Merone

    • Gentili Sig.ri
      Sono mesi che rispondo alle vostre legittime osservazioni sull’attuale Amministrazione, e nel suo operato,ma qualcuno la difende e non so perchè, o siete delle persone che frequentano palazzo siano, e sapete, o non vedete con vostri occhi il decrato di questo paese.
      Dire sempre questi e quelli non basta, la politica anastasiana manca di progettualità, non sempre gli eletti del popolo sono rappresetativi, lo sanno tutti perchè sono sempre gli stessi,Avv. Ing, Medici,non hanno tempo per lavorare per il paese, o la politica diventa manegereale e con persone di alta qualità, o si rimane sempre incollati a questi signori.Egr. casagrande non basta denunciare ti chiedo cosa fà il tuo partito?incollato sempre alle stesse persone,Ing Merone basta solo affigere manifesti per cambiare, non basta, vedi le periferie di questo paese vi rendete conto ormai sia il centrodestra sia il centrosinistra siete lontani dai cittadini,rimango dell’idea che non cambiarà nulla anche se cada questa Amministrazione.
      Vi saluto Sasso

    • Signor Sasso, come si suole dire, questa volta, e ancora, mi tira per la giacchetta!
      Io non so chi sia Lei, ma desidero sappia chi sono IO!
      Lei tira in ballo sempre Avvocati, Dottori, Ingegneri ed altri.
      Io sono Ingegnere di professione, Ingegnere di quelli con la ‘I’ maiuscola, mi lasci la presunzione.
      Sono il Presidente pro tempore di ‘La Destra’ e sono Fiero ed Orgoglioso!
      Come professionista ho quasi sempre operato fuori del mio territorio di nascita. Soltanto qualche volta, e mai con i carrozzoni delle Amministrazioni pubbliche, ho operato nel mio territorio anastasiano.
      Da Cittadino rispettoso delle Leggi mi sono sempre messo a disposizione delle Istituzioni locali. Sempre a TITOLO GRATUITO!
      Lo feci con la Giunta Iervolino quando feci protocollare una mia disponibilità per lavori tecnici a titolo gratuito. GRATUITO Le ripeto!
      Con la nuova Giunta Pone ho riprotocollato la mia DISPONIBILITA’ sempre a TITOLO GRATUITO!
      Mai, dico MAI, sono stato compulsato né dalla Giunta Iervolino né dalla Giunta PONE!
      Il mio Partito, per la nomina del Consigliere da parte del Comune nel Consiglio di Amministrazione del Progetto Financing, mi ha sollecitato a presentare il Curriculum Vitae.
      L’ho fatto con piacere, anche per Amore di Partito, ancora una volta per essere vicino alle Istituzioni con la mia esperienza!
      I termini di affissione in bacheca comunale erano perentori dal giorno 21 al giorno 31 Ottobre 2008.
      La mia domanda fu protocollata il giorno 30 Ottobre 2008.
      Da allora ho saputo, non so se risponde a verità, che la scelta del Consigliere fu fatta il giorno 3 Novembre 2008 , mattina.
      A me, al Partito, al Portavoce della Destra, Mario Gifuni, nulla finora è stato comunicato!Nè è stato comunicato ufficialmente il nominativo del Tecnico nel Consiglio di Amministrazione. Forse non sarà mai pubblicizzata la scelta!
      Sui marciapiedi si parla, ma a NOI nulla è stato ufficialmente, ripeto, comunicato!
      Come vede, NOI SIAMO LA DESTRA MA NON APPARTENIAMO ALLE CASTE NE’ ALLE COSCHE!
      SIAMO FIERI E IN TALE VESTE TAPPEZZEREMO SEMPRE DI MANIFESTI LE MURA DI SANT’ANASTASIA PERCHE’ IL POPOLO ED I CITTADINI SAPPIANO SEMPRE LA VERITA’
      Tanto dovevo e La saluto.
      Ing. Mario Merone , Presidente La Destra

    • Egr.Ing Merone,
      Non metto in duddio la sua professionalita e non intendevo tirarla per la giacca, ma ritengo di farla osservare che in questo paese il consiglio comunale prevelentamente e costituito da tanti professionisti di cui ho citati nella mia missiva precedente. Brave persone ma non significa buoni Amministratori sono anni e anni che governano risultato lo dipinge anche Lei,vede Ing bisogna far capire ai tanti cittadini di questo paese di non fidarsi più di questi Sigg,anche se tra questi ci sono anche Ing,ritengo se un professionista e valido nel suo campo non può essere altrettanto in politica,Egr Ing non la conosco, e non mi conosce, le dico che non sono ultimo di questo paese ma un cittadino che per tanti anni si è stufato da questi così detti politici....ma non avranno più nessun consenso da parte mia e della mia famiglia per essere eletti in consiglio comunale, com’era prima lo e adesso, non mi dica che è cambiato altrimenti la metto nella lista di quelli citati sopra..la Saluto con garbo Sasso

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.