Home > Attualità > Comunicati Stampa > Boscoreale, nuove tariffe per la mensa scolastica

Boscoreale, nuove tariffe per la mensa scolastica

lunedì 24 novembre 2008, di Comunicato Stampa


BOSCOREALE - L’Amministrazione Comunale, recependo le rimostranze dei cittadini conseguenti all’elevato costo del servizio mensa scolastica per il corrente anno scolastico, determinato dall’introduzione delle fasce reddituali deliberate dalla Commissione Straordinaria, ha rimodulato, riducendole sensibilmente, le fasce di contribuzione al costo del servizio.
Nei giorni scorsi, infatti, si erano registrate numerose proteste da parte di genitori, culminate anche nella sottoscrizione di diverse petizioni, che avevano contestato un notevole aumento del costo del pasto rispetto al precedente anno scolastico e chiedendo “una riduzione del costo di compartecipazione al servizio ad una cifra più accessibile a quanti vorrebbero usufruire di questo servizio che, a questi livelli, comporta una spesa fuori della portata di molte famiglie”.
Le nuove fasce reddituali introdotte dalla Giunta Comunale con effetto immediato, rimangono inalterata la contribuzione dei nuclei familiari appartenenti alla prima fascia delle scuole dell’infanzia, euro 1,89 a pasto, mentre la seconda fascia scende ad euro 2,10 (la precedente era euro 3,14) per finire alla quinta fascia che scende ad euro 2,80 (la precedente era euro 4,49). Analogo discorso in termini percentuali è stato fatto anche per le scuole primarie e secondarie di primo grado. Un pasto in prima fascia per le scuole primarie attualmente costerà euro 1,94 (la precedente era euro 3,00), in seconda fascia costerà euro 2,16 (la precedente era euro 3,23), per finire alla quinta fascia che costerà euro 2,80 (la precedente era euro 4,62); per le scuole secondarie di primo grado un pasto in prima fascia attualmente costerà euro 2,00 (la precedente era euro 3,09, in seconda fascia costerà euro 2,22 (la precedente era euro 3,33), per finire alla quinta fascia che costerà euro 2,96 (la precedente era euro 4,75).
“Come avevo annunciato nei giorni scorsi abbiamo prestato la massima attenzione alla problematica e alle rimostranze dei genitori e, compatibilmente con le esigenze di bilancio, abbiamo apportato significative riduzioni alle fasce precedentemente introdotte dalla Commissione Straordinaria. Era nostro dovere procedere in tale direzione in considerazione anche delle effettive difficoltà economiche in cui versano le famiglie boschesi – ha spiegato il sindaco Gennaro Langella-.
Da parte sua Alfonso Cirillo - assessore all’istruzione- ha spiegato “Ci siamo impegnati profondamente in questi ultimi giorni, supportati dai funzionari dei competenti settori, per cercare soluzioni efficaci per l’utenza e che allo stesso tempo non sconvolgessero gli equilibri di bilancio. Il nostro impegno continua anche nel sostenere la piena funzionalità dei servizi e la fruizione degli stessi al massimo da parte di tutti, gravando il giusto sui bilanci delle nostre famiglie. Abbiamo accolto anche l’invito a considerare la modifica del regolamento della mensa scolastica, varato dalla precedente Commissione Straordinaria, adeguando la contribuzione agli stessi standard della popolazione residente, anche per gli alunni residenti fuori comune ma che frequentano le nostre scuole. La problematica a breve sarà sottoposta all’attenzione del Consiglio Comunale e contiamo, auspicando un voto di modifica del civico consesso, di poter garantire, in tempi brevi, a questi alunni una diversa forma di contribuzione”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.