Home > Attualità > Comunicati Stampa > Omicidio Tommasino, Scala (Sd): "Reagiamo, dimostriamo che la città è da (...)

Omicidio Tommasino, Scala (Sd): "Reagiamo, dimostriamo che la città è da un’altra parte"

mercoledì 4 febbraio 2009, di Comunicato Stampa


CASTELLAMMARE - La città è da un’altra parte.
Parlare con lucidità di ciò che è accaduto nella città di Castellammare di Stabia. È qualcosa di difficile. E’ qualcosa di difficile perché ciò che è accaduto lascia sgomenti. E’ giunto il momento che ognuno, in qualunque ruolo o condizione si trovi, deve fare la propria parte. Nelle prossime ore si consumeranno parole e pagine di inchiostro sulla sicurezza in città, ci confronteremo tra di noi su quali decisioni prendere e su quali politiche mettere in campo perché sia garantita la sicurezza ed il vivere civile nella città di Castellammare di Stabia. Fin da ora però voglio dire che il nostro lavoro sarà tanto più efficace quanto più sarà in sinergia con l’impegno civile, volontario, quotidiano, delle forze attive della città sul terreno della legalità. La lotta per la legalità sarà vincente se sapremo comunicare tra di noi e sostenerci a vicenda, consapevoli che la speranza comune, l’impegno condiviso, la costruzione di nuove opportunità per la coesione sociale e l’occupazione sono il vero argine alla violenza e alla criminalità. E’ questo il momento di segnare il confine netto tra camorra e affari perché la lotta alla criminalità organizzata non è solo una battaglia morale ma è la condizione prima per potere parlare seriamente di un futuro possibile. A distanza di diciassette anni, la camorra sfida di nuovo le istituzioni e ammazza un consigliere comunale. Nel 1992 io ero uno studente allora e insieme a tante altre ragazze e ragazzi, studenti come me, sentimmo l’esigenza di riunirci e metterci in movimento. Sfilavamo quotidianamente con gli striscioni colorati e la resistenza alla maglietta.. Le strade ogni giorno, per mesi, si riempirono di voci festanti di ragazze e di ragazzi accomunati da una sola speranza il riscatto possibile della nostra città, baciata dal sole, martoriata dalle leggi della camorra. E’ tempo oggi come allora di dire che la città di Castellammare di Stabia è da un’altra parte. Al di la del lavoro egregio fatto dalle istituzioni , il vero riscatto deve ora essere quello della città, delle sue cittadine e dei suoi cittadini, distratti e assuefatti. Devono essere questi i giorni del riscatto sociale e civile, del risveglio delle coscienze. Apriamo con tutte le forze sociali e sindacali un confronto seri e serrato, pensando ad una nuova resistenza “non violenta” che rompa il silenzio, che dica ad alta voce che tutte le forze sane, che tutte le forze democratiche sono da un’altra parte.
Tonino Scala
Consigliere regionale Campania
Capogruppo Sinistra Democratica

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.