Home > Attualità > Il fatto > Un inedito Totò nel nuovo libro "Malafemmena"

Un inedito Totò nel nuovo libro "Malafemmena"

Scritto da Liliana il libro mette a nudo l’amore folle tra i suoi genitori

giovedì 12 febbraio 2009


Somma Vesuviana. L’occasione è davvero ghiotta per scoprire il lato più umano, e probabilmente il più debole, di Antonio De Curtis, al secolo Totò. Sarà presentato infatti sabato, alle ore 19,00 presso il centro commerciale Campania a Marcianise, il libro “Malafemmena” scritto da Lililiana De Curtis, figlia del “Principe della risata", ed edito dalla Mondadori.Il ritratto che vien fuori dalle pagine del libro è quello di un Totò amante instancabile e follemente geloso della sua prima ed unica moglie Diana Rogliani. Ed è proprio a quest’ ultima che fu dedicata la famosa canzone che da il titolo al libro e non, come si è creduto erroneamente fino ad oggi, alla grande e stupenda Silvana Pampanini la quale si rifiutò di sposarlo.Che fosse, tra Totò e Diana, un amore folle e clamorosamente scandaloso lo si avvertì già dagli inizi. Lui 33enne, lei appena 15enne si conobbero, si piacquero, si amarono e non lesinarono nemmeno i problemi giudiziari derivanti dalla (troppo) giovane età della ragazza.Nel 1935 il matrimonio, ad amore già consumato, e con una figlia, Liliana, già nata. Quattro anni di vita coniugale in cui il grande artista, ambasciatore di una certa Italia incrostata e sepolta, visse follemente la sua passione per la donna che sarebbe rimasta l’unica a cui avrebbe giurato l’amore eterno.Eterno finché dura, sussurrerebbe qualcuno. Infatti nel 1939 il matrimonio termina per un divorzio richiesto dallo stesso Totò timoroso di restare tradito.
Ciò che accade dopo ha dell’incredibile. I due anche se ufficialmente separati dovevano condividere lo stesso tetto fino al compimento del diciottesimo compleanno di Liliana. Un concubinato forzato ed a tratti umiliante per Diana, la quale fu costretta a condivere la passione di Totò per le belle donne. Fu libera da quella prigione esistenziale solo quando sposò l’avv. Tufaroli.
Un libro bello ed appassionante in cui il lato umano di un grande personaggio che ha strappato risate a milioni di persone, lavorando sulla bonarietà di un Italia semplice, cattolica, credulona e romantica, viene per la prima volta messo a nudo. E dimostra ancora una volta, se ce ne fosse bisogno, che l’amore è un sentimento misteriosamente potente di cui non se ne conosce la rispettabilità.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.