Home > Politica > Sant’Anastasia, i progetti del Pd a partire da un convegno con (...)

Sant’Anastasia, i progetti del Pd a partire da un convegno con Morando

domenica 15 febbraio 2009, di Gabriella Bellini


Sant’Anastasia. Il Pd si riorganizza e punta ad affrontare i problemi della città. Primo argomento di discussione sarà la crisi economica che avvolge il Paese, ecco perché è fissato per questa sera alle ore 17 il convegno “La crisi morde, il Governo dorme”, al quale interverrà, tra gli altri, Enrico Morando, commissario provinciale del Pd. Appuntamento presso la sede del centro studi del santuario di Madonna dell’Arco a Sant’Anastasia. “La politica è uno strumento di aiuto alla collettività”, spiega Rosaria Esposito, segretario cittadino del Pd, “il nostro partito sta lavorando su questo obiettivo. Proprio per questo abbiamo organizzato la manifestazione che riguarda la crisi, una precarietà economica che è entrata di colpo nelle case delle persone. E’ necessario parlarne, far sentire a chi governa la voce di chi è costretto a convivere con questo enorme disagio, occorre una soluzione immediata”. Ma il partito di Veltroni a Sant’Anastasia ha appena riacceso la macchina organizzativa. “A breve ci saranno altre manifestazioni per discutere dei problemi che affliggono il nostro paese”, continua la Esposito, “Siamo un partito appena nato e stiamo muovendo i primi passi sul nostro territorio perché quello che ci interessa è il sostegno e la crescita di Sant’Anastasia. La nostra iniziativa fa parte di un progetto che il Pd ha avviato in ambito nazionale, infatti per i giorni 14,15,16 febbraio sono previste manifestazioni anche nel resto dei Comuni della provincia di Napoli, quelli che abbiamo chiamato “Pd day”. Per quello che ci riguarda abbiamo deciso di dar vita a questa iniziativa perché nel nostro paese la crisi economica è avvertita in modo particolare, molti, infatti, sono gli operai costretti a stare a casa in cassa integrazione, tanti i disoccupati e altrettanti quelli che un lavoro ancora non l’hanno trovato. E quindi ci è sembrato opportuno aprire una discussione su questo tema tanto comune quanto angusto”.

Messaggi

  • visto che lei sta muovendo "i primi passi col suo partito pd (nuovo??????) ma se siete sempre gli stessi...avete cambiato solo nome per la vergogna della vostra storia comunista, ma comunque visto che lei è cosi brava vada in piazza e dica agli operai perchè non avete fatto ,non qualche decennio fa, ma pochi mesi fa quello che dite che volete...bla bla bla...ammortizzarori sociali estesi a tutti (a chiacchiere)contratti a tempo indeterminato a tutti (a chiacchiere)abbassare il prezzo della benziana ( a chiacchiere) e ridurre i mutui a tutti ( a chiacchiere), ma siate seri e non incantatori di serpenti....solo quando state all’opposizione; poi quando governate la musica cambia sempre , ma state tranquilli alle prossime elezioni avrete un altra batosta
    vi cancelleremo

  • Il progetto riformista del centro-sinistra italiano è fallito inesorabilmente. La sconfitta elettorale sarda è stata un’autentica mazzata, il cosidetto colpo mortale. La politica propagandistica, populsita e demagogica alla fine non premia il Pd che esce per la sesta volta in meno di un anno con le ossa rotte da una tornata elettorale. Le dimissioni del segretario Walter Veltroni sono il chiaro segnale di una resa politica senza precedenti nella storia repubblicana. L’opposizione messa in atto dal Pd è stata bocciata dagli elettori che nella sacralità delle urne hanno categoricamente deriso la farsa totalitaria. Parlare di deriva autoritaria o definire Berlusconi come Hitler, è un offesa all’intelligenza delle persone che si sono ben guardate da votare quella parte politica.
    Fin quando ci sarà questo Pd e fin quando questa sarà la loro opposizione, il centro-destra può star tranquillo, vincerà tutte le elezioni.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.