Home > Speciali > Da onorata società a S.P.A.. Il salto di qualità della camorra

Da onorata società a S.P.A.. Il salto di qualità della camorra

E’ uscita nelle librerie l’ultima fatica di Tonino Scala

mercoledì 18 febbraio 2009


Napoli. E’ uscita in libreria l’ultima fatica editoriale del consigliere regionale di Sinistra Democratica, Tonino Scala. Il titolo del libro, il quarto per il giovane consigliere, è “Da onorata società a società per azioni. Il salto di qualità della camorra” edito da “La città del sole”. La prefazione è stata affidata a Claudio Fava, giornalista e parlamentare europeo tra le fila di Sd.Tonino Scala è un uomo, prima che un politico, da sempre attivo sul fronte caldo della camorra, tanto che oggi presiede, in qualità di presidente, l’Osservatorio contro la Camorra e la Criminalità Organizzata della regione Campania.E questo suo impegno lo si apprezza sfogliando le pagine di questa straordinaria testimonianza anticamorra. Un sentimento anticammoristico nato nei primi anni novanta sull’onta delle speranza e della fiducia di una generazione, mai arresasi, ma neanche vincente contro il peggiore dei cancri delle nostre terre. Ecco dunque come si presenta Scala nelle prime pagine del libro:”Morti ammazzati ad ogni ora del giorno, ragazzini armati pronti a lavare col sangue finanche uno sguardo di troppo. Il grido disperato del ventre di Napoli, la voglia di guardare avanti, nonostante tutto. I tanti parroci e volontari che ogni giorno innaffiano col sudore, rimboccandosi le maniche, il seme della legalità, piantato nel terreno arido di Forcella, dopo la morte della piccola Annalisa, nelle terre di Casal Di Principe dopo le parole scritte da Roberto Saviano. Sono mesi che ormai ripetiamo che per Napoli questi ultimi sono tempi difficili. Sono mesi che ci si interroga sulle soluzioni da dare nei modelli di comportamento da affermare. Nello scrivere queste pagine più volte il mio pensiero è ricorso agli anni novanta. Oggi, come allora, il nostro sud era insanguinato dalle mani armate della camorra così come della mafia. A Napoli, a Palermo, nella mia Castellammare, nelle vicina Torre Annunziata si moriva ad ogni ora del giorno. Ero uno studente ,allora, e insieme a tante altre ragazze e ragazzi sentimmo l’esigenza di riunirci e metterci in movimento Le riunioni seduti in cerchio, i cortei da organizzare, gli incontri, i sit-in. Il nostro sud doveva ribellarsi. Sfilavamo quotidianamente con gli striscioni colorati e la resistenza alla maglietta. Era un movimento il nostro di giovani, di studenti medi ed universitari che parlavano di legalità e di lotta alla camorra. Le strade ogni giorno, per mesi, si riempirono di voci festanti di ragazze e di ragazzi accomunati da una sola speranza : il riscatto possibile del nostro Sud . Anni di grande mobilitazione. Poi sopraggiunse il grande gelo, quello del silenzio, che non lascia spazio. Ora che la parola legalità è tornata ad essere un vocabolo da riempire di contenuti ecco montare la necessità di riprenderci le nostre terre, di dire con forza “no” a chi vorrebbe amministrare vite e sogni , offuscando col colore del sangue le nostre strade. C’è lo stesso sole di quei giorni lontani, oggi a Napoli. C’è la stessa voglia, in molti, di testimoniare che la città non si è fatta “lazzara”. La sfida di allora fu vinta e tante altre ancora siamo stati capaci di vincerne, in nome di quella passione, di quella voglia di esserci, di spendersi, senza risparmiarsi mai, di quella voglia di far politica cambiando realmente le cose. Quella voglia che il suono di quelle giornate, ha la voce e gli occhi di allora. Occhi capaci di far nascere la speranza, di dare fiducia, di costruire un futuro migliore. E’ la nostra ora. L’ora del riscatto sociale e civile, del risveglio delle coscienze. E’ ora di abbattere i muri dell’isolamento, sostituire l’alfabetizzazione criminale con l’alfabetizzazione sociale. E’ ora di riprendere il filo interrotto. Anche attraverso le parole. Questa raccolta frutto del lavoro fatto da Presidente dell’Osservatorio Contro la Camorra e la Criminalità Organizzata ha lo scopo principale di analizzare il tema della camorra e delle sue metamorfosi . Partendo da una storia, il cui protagonista potrebbe essere qualsiasi ragazzo che la camorra usa come spacciatore , questa raccolta vuole porre all’attenzione del lettore la genealogia, la vita , gli affari della prima impresa campana: la camorra. Questa raccolta " Da onorata società a società per azioni. Il salto di qualità della camorra”, rappresenta la voce di chi non vuole rassegnarsi a convivere con criminalità e soprusi di ogni genere”.
Questo è un libro pragmatico e di appassionante lettura che andrebbe integrato con la conoscenza dell’impegno di altri uomini, da Amato Lamberti a Saviano a Don Tonino Palmese, i quali hanno il coraggio di guardare in faccia la camorra.Senza temerla e senza accettarne i meschini compromessi.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.