Home > Attualità > Comunicati Stampa > In arrivo la rottamazione delle cartelle esattoriali

In arrivo la rottamazione delle cartelle esattoriali

giovedì 19 febbraio 2009, di Comunicato Stampa


SANT’ANASTASIA – 1992. Si partirà da quest’anno per cercare di recuperare entrate esigibili da anni, ma sistematicamente non pagate da cittadini debitori per tasse e sanzioni. L’aspettativa è quella di recuperare buona parte dei tre milioni e mezzo di Euro – accumulatisi dal 1992 ad oggi - che mancano nelle casse comunali e di offrire ai cittadini uno strumento operativo dinamico e “appetibile”. Un’occasione da non perdere!. Dopo il successo del condono fiscale per l’I.C.I. e la T.A.R.S.U. elaborato dall’assessore al bilancio, Armando Di Perna, che ha portato 2450 contribuenti ad auto-denunciarsi, facendo entrare nelle casse comunali un milione e centomila Euro e un gettito di circa 400mila euro in più per gli anni futuri, l’amministrazione Pone porterà nel prossimo Consiglio Comunale il “Regolamento per la definizione agevolata dei carichi iscritti nei ruoli esattoriali degli anni pregressi”, cioè la cosiddetta “rottamazione delle cartelle”. E’ un’altra iniziativa proposta dall’assessore Di Perna, che servirà a completare il recupero dell’evasione tributaria, dando l’opportunità ai cittadini di regolarizzare, a condizione agevolata, la loro situazione debitoria. Il procedimento sarà gestito da Equitalia, che provvederà ad informare i debitori circa i tempi e le modalità di adesione. Accanto alla rottamazione, continuerà la lotta all’evasione tributaria, con l’incrocio di banche dati catastali, tributarie e anagrafiche finalmente bonificate, per raggiungere il 30% di evasori che non hanno potuto o voluto accedere al condono. “Abbiamo attualmente un ufficio tributi più funzionale ed efficace, grazie anche alle informazioni acquisite dai cittadini con il condono e possiamo fare una programmazione più aderente alla realtà. Quest’ultimo provvedimento – afferma l’assessore Armando Di Perna - ci permetterà di aumentare la capacità coercitiva dell’Ente e di rendere disponibili per futuri investimenti somme iscritte in bilancio, anche se non ancora incassate. Si tratta di crediti tributari per circa 3,5milioni di Euro riferiti a tasse e sanzioni degli ultimi anni, a partire dal 1992. E’ palese che, per incentivare i debitori a sanare la propria posizione, il regolamento ha dovuto contenere delle agevolazioni sia sulle somme a pagarsi che sulle rateizzazioni. L’obiettivo è quello di invogliare i debitori a utilizzare un mezzo unico nel suo genere per far finalmente entrare nelle casse comunali l’enorme quantità di crediti, altrimenti difficilmente recuperabili. E’ altrettanto chiaro che i debitori che non risponderanno positivamente all’avviso che verrà inviato nelle loro case, vedranno dopo il 31 maggio 2009 re-iscritto il loro debito al valore di partenza. Gli incassi saranno sicuramente utilizzati per migliorare gli equilibri di bilancio dell’Ente e per incrementare le spese di investimento, con particolare attenzione alle manutenzioni di strade e scuole”.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.