Home > Appuntamenti > Stasera alla Taverna di Efesto i "Chiattoni animati"

Stasera alla Taverna di Efesto i "Chiattoni animati"

sabato 21 febbraio 2009


TORRE DEL GRECO - Cori da stadio, balli scatenati sui tal e brani cult cantati a squarciagola tutti insieme appassionamene. Appuntamento col divertimento da non perdere questa sera, 21 febbraio, alla Taverna di Efesto, diventato punto di riferimento per il popolo della notte. I patron del ritrovo di via Boccea hanno voluto sul palco i “Chiattoni animati”, al secolo Cosimo Angrisano e Cosimo Alterio, showmen extralarge madre in Naples, artefici del gettonatissimo inno 2006 del Napoli soccer e di simpatiche canzoncine dedicate ai calciatori della formazione partenopea intrise di lodi ma anche di ironia. Ultima loro ‘creazione’ il motivetto dedicato al neo acquisito del Napoli, Jesus Datolo: i ‘Chiattoni animati’ gli hanno dedicato una introduzione ‘solenne’ che riecheggia Jesu Christ Superstatar per poi passare a un motivetto più vicino all’ “Andiamo a lavorar” dei sette nani di Biancaneve. Impossibile del resto non accostare Datolo, per il suo cognome (ma fortunatamente non per la statura), ai simpatici e piccoli amici di Biancaneve. E impossibile non fare almeno un passaggio sul Campione, sull’indimenticato e indimenticabile Diego Armando Maradona, argentino come Datolo. Passato e presente. Certezze e speranze. Tutto questo in un mix di battute e canzoni che il popolo della notte non mancherà di cantare a squarciagola. Dopo lo spettacolo dal vivo, la Taverna di Efesto si trasforma e diventa discoteca: via piatti e bicchieri, si sale tutti sui tavoli per scatenarsi sulle note dei pezzi più gettonati del momento della commercial-house. Meglio esserci, che farselo raccontare.

Info e prenotazioni: 3388414476 oppure 3282892400
Dove: Torre del Greco, via Boccea 17

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.