Home > Attualità > "Per i rifiuti, la Nigeria è meglio di Sant’Anastasia"

Lettera al sindaco da parte di un cittadino residente al Boschetto

"Per i rifiuti, la Nigeria è meglio di Sant’Anastasia"

giovedì 19 marzo 2009, di Gabriella Bellini


Sant’Anastasia. Quando si pensa alla Nigeria, all’Africa in generale, si immagina che la questione rifiuti e pulizia sia del tutto secondaria rispetto alle altre emergenze che quei popoli sono costretti a subire. Quando invece si scopre che il proprio pregiudizio è cancellato dai fatti, si fa una piacevole scoperta che però lo è meno quando si paragona a ciò che succede in casa propria. E’ quanto accaduto a Nicola Acanfora, un cittadino anastasiano a Lagos per lavoro, che verificato quello che accedeva nell’ex capitale nigeriana, ha fatto un’amara considerazione sul quartiere in cui vive: quello del Boschetto. Una constatazione che Acanfora ha messo nero su bianco ed ha inviato al sindaco, Carmine Pone. “Di recente, per motivi di lavoro, sono stato a Lagos in Nigeria Paese del quale sono note le carenze igienico sanitarie”, scrive, “Dopo cinque giorni di lavoro ho deciso con alcuni colleghi che il giorno 31 gennaio (sabato), di buon ora, saremmo andati in giro per visitare alcuni luoghi caratteristici della zona. Alle sette del mattino eravamo pronti, in attesa dell’autista e della scorta. Questi ultimi arrivarono in ritardo, alle 7 e 15 minuti, comunicandoci che non potevamo partire prima delle dodici, poiché tutti i sabato (dalle 7 alle 10) veniva bloccato il traffico per consentire agli operatori ecologici di pulire le strade. Ma, trattandosi dell’ultimo sabato del mese, come da consuetudine, il traffico veniva bloccato fino alle 12 per effettuare una pulizia più accurata. Caro Sindaco non mi dilungo oltre. Vorrei solo farle notare che nel Boschetto, in questi ultimi sei mesi, gli operatori ecologici sono venuti solo tre volte facendo i soliti “mucchietti” che puntualmente, al primo soffio di vento, si diffondono di nuovo per le strade. Tutto questo con costante esclusione di via Amendola che non vede la presenza di operatori ecologici da tempo immemorabile. Mi dispiacerebbe dover pensare che un sindaco nigeriano abbia più a cuore la pulizia delle strade rispetto ad un sindaco di un paese italiano, nonché europeo”. Il Boschetto a Sant’Anastasia è una delle zone più densamente popolate dell’intera città, ed i disagi che i cittadini hanno riscontrato negli ultimi mesi hanno riguardato soprattutto il mancato rispetto del calendario di raccolta per la differenziata, ma anche lo spazzamento lascia a desiderare. “So di questo deficit ed è voluto”, replica il sindaco, “Ho dovuto scegliere su cosa puntare ed abbiamo potenziato la differenziata e siamo stati premiati con i buoni risultati di febbraio. Quando voteremo il Bilancio ci dovremo porre una domanda , capire su quale aspetto vogliamo investire. Quest’anno vanno in pensione altri tre operai dell’Amav, il personale è ridotto, devono occuparsi della differenziata ed è chiaro che da qualche parte il servizio manchi, ma decideremo cosa fare”. Ed infine riguardo il paragone con la Nigeria. “Credo”, conclude, “che abbiamo molte cose da imparare dal continente africano, certa supponenza non la condivido”.

Messaggi

  • SINDACO MENOMALE CHE NICOLA NON E’ STATO IN TANZANIA PERCHE’ ANCHE LI HANNO LE STRADE PIU’ PIU’ PULITE DI NOI

    UN SALUTO FRANCO CASAGRANDE

  • Esimio sign. Acanfora, La sua è una riflessione giustissima anche se, onestamente palando, la trovo un pò discriminatoria. E’ vero sì che la Nigeria è una delle terre più pericolose al Mondo, però, sentirsi quasi offesi perchè forse il sistema di pulizia funziona meglio che da noi è troppo, anche loro avranno le proprie esigenze. Il nostro concittadino, in questa lettera inviata al sindaco, evidenzia i disagi che purtroppo siamo constretti a soppotare da qualche lustro a questa parte, da quando, purtroppo, i campani hanno riposto la loro fiducia in quel buon uomo di Antonio Bassolino, che senza offesa per gli africani, è pure peggio.
    Volevo, inoltre, segnalre al sign. Acanfora, che sicuramente ricorderà, la condizione in cui versava la zona Boschetto fino a qualche mese fà, quando le vergognose montagne di spazzature offendenvano la nostra dignità. Ricordare quei momenti, potrebbe oggi servire a capire quanta strada è stata fatta, conoscendo le enormi difficoltà economiche che ci sono, non ci resta che apprrezzare l’operato fin qui svolto, auspicando che la situazione posa migliorare e finalmente ridare alla nostra cittadina il suo splendore naturale, quello che la resa per anni una ridente cittadina alle falde del Vesuvio.

    • SIG.PAVONE COSA CENTRA SE NON SI PULISCONO LE STRADE CON I CUMULI DI IMMONDIZIA.
      EGR.SIG,PAVONE FACCIAMO UN’APPUNTAMENTO E LE FACCIO VEDERE L’ALTRA FACCIA DELLA MEDAGLIA,DOVE CI SONO CUMULI DI IMMONDIZIA NASCOSTI,SE PER IL SIG. BERLUSCONI IL PROBLEMA E’ RISOLTO IO PENSO CHE DOVREBBE VENIRE INCOGNITA MA ACCOMPAGNATO DA UNO DI NOI CHE CONOSCE LA ZONA.
      LA SALUTO COME SEMPRE AFFETTUOSAMENTE
      FRANCO CASAGRANDE
      SE VUOLE MI MANDI UNA E-MAIL
      casagrande.f12@libero.it

  • Sign. Casagrande, Le rispondo in maniera pubblica e credo che sia giusto così: Come Lei ha potuto ben leggere, il mio era un commento generale sulla situazione rifiuti e nel finale auspicavo che la questione potesse migliorare, perchè ancora oggi ci sono moltissime falle nel sistema. Bisogna fare ancora tanto, però, carissimo concittadino, negare l’evidenza è troppo. Sarà stata pure una mera coincidenza ma da quando Silvio Berlusconi è diventato Premier, impegnandosi in prima persona nell’ emergenza rifiuti, la situazione è migliorata tantissimo e tra qualche mese, con l’apertura del termovalorizzatore di Acerra, verrà superato anche il "problema", ne sia sicuro.
    La questione periferie è una nota dolente, su cui più volte abbiamo passionalmente discusso. Lei conosce benissimo il mio punto di vista e chi ha seguito i nostri dibattiti ne è testimone. Spero, da cittadino ancor prima che da appassionato politico, che la situazione possa ancora migliorare, ma non mi stancherò mai di ripeterlo: Senza la collabborazione dei cittadini ogni sforzo risulterà vano. Un cordiale saluto.

    • EGR,SIGG,
      Tutti i nodi vengano al pettine,lo dico da molto tempo ma le risposte sono sempre le stesse,avete per anni accusato che l’emergenza rifiuti era da accusare solo i politici attuali, non avete mai detto che i cittadini non onesti buttano di tutto, ancora adesso, vedi specialmente nelle nostre periferie,date un plauso a berlusconi per avere risolto il problema ma dove lo porta, se l’inceneritore di acerra non è pronto? perche non accusate berlusconi che questa spazzatura che riempiono ancora le nostre strade la deve togliere, non ripetete sempre le stesse cose bassolino, bassolino,il cittadino e sempre lo stesso quello di prima, mica e cambiato, l’immondizia non si toglie con le parole ma con i fatti! vorrei ricordarvi che attaulmente le discariche aperte sono quelle del governo Prodi, l’unica soluzione e stata quella di agire con la forza militare, noi siamo assuefatti con la forza, perche per anni abbiamo subito anche la forzatura politica dei comuni che non LA vogliono a casa propria, fate voi.Mi auguro che quando ci sarà il nucleare sareti disposti a portarvelo in casa propria che ne dite?
      Vi saluto con simpatia uno amico che vi segue

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.