Home > Cronaca > A Pomigliano D’Arco cerca di uccidere la vicina dandole fuoco, (...)

A Pomigliano D’Arco cerca di uccidere la vicina dandole fuoco, arrestato

venerdì 27 marzo 2009


Pomigliano D’Arco. Quando si dice dalle parole ai fatti. Tragedia sfiorata ieri a Pomigliano D’Arco dove un 22enne, Francesco Di Marzo, ha tentato d’incendiare con del liquido infiammabile la sua vicina di casa, una pensionata di 70 anni. Alla base dell’inspiegabile gesto ci sarebbe stata una lite, l’ennesima secondo alcuni vicini, per futili motivi condominiali. L’uomo, già noto alle forze dell’ordine per piccoli precedenti penali, è stato arrestato in flagranza di reato. I militari dell’arma sono stati avvertiti da una segnalazione anonima di ciò che accadeva in via San Giusto. Giunti sul posto i militari hanno tentato di bloccare l’uomo, ma quest’ultimo si è scagliato con furia contro di loro cercando un inutile quanto disperata fuga. Nella colluttazione ad avere la peggio sono stati un carabiniere accorso e l’anziana donna. Al primo, accompagnato presso il presidio ospedaliero di Nola,sono state riscontrate escoriazioni alla mano destra ed escoriazione con contusione ala braccio destro con dolore al polso destro guaribili 3 giorni. All’anziana donna è andata un tantino peggio visto che i medici del pronto soccorso di Pollena Trocchia le hanno riscontrato una contusione con escoriazione al polso destro con una prognosi di 6 giorni. Adesso per Francesco Di Marzo si attende il rito direttissimo nel quale dovrà rispondere dei reati di tentato omicidio e di resistenza e lesioni a pubblico ufficiale. Ma quello di ieri non è stato l’unico caso di violenza a Pomigliano, con vittima sempre una donna. Poche ore dopo i carabinieri sono infatti dovuti intervenire, su segnalazione di alcuni cittadini, per arrestare Alaoui Abdallah, marocchino, 48enne, senza fissa dimora, il quale stava picchiando la sua convivente. La donna, un ucraina 54enne residente a Casalnuovo, è stata salvata giusto in tempo dai militari dell’arma i quali a loro volta si sono dovuti difendere dal marocchino. Infatti quest’ultimo alla vista delle forze dell’ordine gli si è scagliato contro. Nella colluttazione sono rimasti feriti due carabinieri i quali hanno riportato un escoriazione al braccio sinistro e contusione alla spalla destra guaribili in 3 giorni. Alla fine all’uomo bloccato ed arrestato sarà riservato il rito per direttissima per lesione e resistenza a pubblico ufficiale.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.