Home > Cronaca > Somma Vesuviana, ancora una scuola presa di mira dai vandali

Somma Vesuviana, ancora una scuola presa di mira dai vandali

sabato 28 marzo 2009


Somma Vesuviana. Una bravata che aveva, con tutta probabilità, l’unico scopo di far rimandare di qualche giorno il rientro sui banchi degli studenti. Una bravata che ha sortito i disastrosi effetti desiderati. La cronaca che segue è il racconto dell’ennesimo atto vandalico perpetrato ai danni di una scuola di Somma Vesuviana. A finire nel mirino dei soliti ignoti il II Circolo di S.Maria del Pozzo, conosciuta in paese come l’ex scuola Di Sarno( dal cognome dei vecchi proprietari dell’immobile). Nella notte tra giovedì e venerdì qualcuno si è introdotto nell’istituto approfittando del fatto che qualche finestra, del tipo scorrevole, è difettosa non si chiude completamente. A quel punto hanno pensato bene di aprire sia tutti rubinetti delle fontane dei bagni che si trovano al piano superiore della struttura e sia le valvole di sfogo dei termosifoni sempre del medesimo piano. In breve l’acqua ha cominciato lentamente ad inondare il piano per poi scorrere, attraverso il balcone che costeggia il corridoio, anche giù nello spazioso atrio di cui l’edificio è dotato. I danni non sono stati ancora calcolati dall’ ingegnere inviato dall’ufficio tecnico del comune, ma dai sopralluoghi effettuati da quest’ultimo con i carabinieri della locale stazione di Somma Vesuviana e con i vigili del fuoco accorsi sul posto, ammonterebbero ad alcuni migliaia di euro. Difatti ad occhio nudo si possono osservare all’interno delle aule del piano inferiore, quelle che ospitano gli alunni della scuola media S.Giovanni Bosco che qui ha una sede distaccata, alcune grosse macchie di umidità nell’intonaco. Inoltre in alcuni punti si sono aperte delle crepe che hanno fatto si che lo stesso soffitto gocciolasse sui banchi vuoti nelle aule. Quindi solo quando l’intera area si sarà asciugata si potrà realmente capire la portata dei danni che potrebbero non limitarsi al solo intonaco, ma anche alla struttura stessa. Inoltre bisogna valutare anche se hanno subito danni i computer della sala informatica ed alcuni televisori in dotazione all’istituto. Rammaricato il personale tecnico della scuola che sin dalle prime ore della mattina, armati di scope, secchi e pazienza, ha cercato in tutti i modi di rendere più veloci i tempi dell’asciugatura. Bocche cucite dai dirigenti sia della scuola media S.Giovanni Bosco che della scuola elementare denominata “Bertone”, anch’essa ospitata con aule distaccate all’interno della struttura colpita. Chi parla invece è il consigliere Vittorio De Filippo, dato da molti come prossimo capogruppo in consiglio comunale del Pdl al posto di Antonio Granato, il quale ha affermato che “Pochi giorni fa la scuola media S.Giovanni Bosco. Ieri l’ex scuola Di sarno.Questo la dice lunga su quanto su si debba ancora fare sul piano della sicurezza nella nostra cittadina. Cittadina che a questo punto deve aggiungere nel lungo elenco di atti criminali, quali scippi, rapine, furti e truffe anche questi odiosi atti vandalici ai danni di alcune scuole. Elenco che noi come amministrazione stiamo via via cercando di contenere e limitare con la presentazione di un piano sicurezza da attuare in modo rigoroso ed al più presto possibile ”. Le lezioni presso l’istituto riprenderanno martedì anche se sembra che sia la Bertone che la S.Giovanni Bosco starebbero pensando a dei turni pomeridiani per non far perdere le ore di lezione agli alunni della sede distaccata vittima dell’ennesimo, odioso ed insensato atto teppistico.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.