Home > Attualità > Comunicati Stampa > INSERRA(Pd): CI ATTIVEREMO PER IL VILLAGGIO DEL GUSTO

INSERRA(Pd): CI ATTIVEREMO PER IL VILLAGGIO DEL GUSTO

mercoledì 1 aprile 2009, di Comunicato Stampa


Gragnano.Il candidato sindaco del Pd: La Regione è attenta allo sviluppo della nostre aree, ora c’è bisogno di una classe dirigente lo cale che sia all’altezza dei progetti che si stanno mettendo in campo”
Gragnano, 1 aprile ‘09. “Le nostre sollecitazioni sono andate a buon fine.La Regione Campania si mostra attenta alla riqualificazione e allo sviluppo delle nostre aree, e mai come adesso richiede una classe dirigente di Gragnano all’altezza degli interventi e degli investimenti che si stanno mettendo in campo”. Così Michele Inserra, candidato sindaco di Gragnano per il Pd e due liste civiche, commenta la firma sul decreto di finanziamento del progetto di recupero dell’antico monastero di San Nicola Miri. Sono pronti circa 15 milioni di euro per intervenire sulla ristrutturazione del monastero, che recentemente ha subìto ulteriori e gravi danni – il crollo di una vasta parte del tetto - a causa del vento forte e della pioggia battente. Nei giorni scorsi Inserra è stato tra i primi ad avvertire l’assessore regionale alle Attività Produttive, Andrea Cozzolino, e l’amministratore delegato della Tess, Leopoldo Spedaliere, dell’ulteriore aggravamento dello stato di degrado del monastero, che secondo il programma del candidato sindaco del Pd dovrebbe essere convertito in un centro residenziale per l’alta formazione per l’enogastronomia. “Un progetto che presto diventerà realtà – conferma Inserra – grazie anche all’impegno della Regione, che finanziando il progetto di recupero del monastero consentirà la realizzazione di un’opera che rappresenterà una risorsa per lo sviluppo di Gragnano. Nei prossimi giorni mi attiverò affinché la Tess disponga il bando al più presto, prima delle elezioni amministrative.Il nostro prossimo obiettivo – conclude il candidato sindaco del Pd è la realizzazione del ‘Villaggio del Gusto’ nell’ex carcere di via Petrelloni. Il nostro programma ne prevede la riconversione ad uso esclusivo delle aziende dell’agro-alimentare, con annesso centro per esposizione e degustazione di prodotti tipici. Una riconversione da compiere attraverso un contratto di programma, con il concorso determinante dei fondi regionali e con un bando pubblico per l’assegnazione delle aree”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.