Home > Speciali > La musica che mi gira intorno > La voglia, la pazzia, l’incoscienza e l’allegria…

La voglia, la pazzia, l’incoscienza e l’allegria…

La Vanoni ritorna a cantare a Napoli

giovedì 16 aprile 2009, di Ciro Castaldo


Napoli ’Più di me tour 2009’ fa tappa al teatro ‘Augusteo’, gremito in ogni settore, e ci regala una intensa serata di buona musica all’insegna della bravura e di una dolce e incosciente (?) follia di una delle vere signore della musica leggera italiana. La direzione artistica è curata dal fido Mario Lavezzi e la band è composta dai validissimi Michele Ascolese alle chitarre, Roberto Testa alla batteria, Edu Hebling al contrabbasso e basso elettrico, Salvo Correri alle tastiere e Paolo Jannacci al pianoforte e fisarmonica. Il concerto ha inizio con (milanese) puntualità e va avanti per due ore trascorse con gran celerità tra camminate incerte e surreali, monologhi su scarpe strette, uomini, amori e guerre; interpretazioni (alcune delle quali) impeccabili e tanta voglia di esserci ancora e divertire divertendosi. Molti i brani proposti, tra i quali spiccano le storiche ‘Eternità’ e ‘Vendo casa’ e le recenti ‘Noi, le donne noi’, ‘La vita che mi merito’ di Renato Zero e ‘Insieme a te’ di Mario Lavezzi. Non potevano mancare all’appello ‘La musica è finita’, ‘Canzone per te’, ‘Tristezza’, ‘Senza fine’, ‘La voglia, la pazzia’, ‘Domani è un altro giorno’ e ‘L’appuntamento’, eletta dagli ascoltatori radiofonici il brano simbolo della Vanoni che ha ironicamente dichiarato di volere come epitaffio la frase: aveva un appuntamento. A seguire l’omaggio a Vinicius de Moraes e Toquinho con ‘Samba della rosa’ e ‘Lo so che ti amerò’ e ancora ‘Magari’ di Renato Zero e la recente ‘Buona vita’ tratta dall’album ‘Una bellissima ragazza’ tradotta insieme a Pacifico, in omaggio alla nipotina di dieci anni, in cui prende forma una mescolanza di piacevoli sonorità africane e portoghesi. A conclusione della serata il tradizionale bis con la battistiana ‘E penso a te’, ‘Una ragione di più’ e l’omaggio alla canzone napoletana con la bellissima e struggente ‘Anema e core’.
L’augurio per tutti gli estimatori della buona musica è di poter ascoltare al più presto il continuo dell’ottimo album di duetti ’Più di me’, che pubblicato lo scorso ottobre è già doppio disco di platino con oltre 170.000 copie vendute. Molti, infatti, come dichiarato dalla stessa Vanoni a fine serata, sono gli artisti e i brani che a causa del tempo e dell’industria discografica che “ti sta col fiato attaccato all’orecchio” dovrebbero essere coinvolti…

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.