Home > Politica > Stabia, raccolta firme per intitolare una strada a Quattrocchi

Stabia, raccolta firme per intitolare una strada a Quattrocchi

venerdì 17 aprile 2009


Sicignano (Cdl):"Ricordare con una strada la medaglia d’oro al valor civile Fabbrizio Quattrocchi rappresenta un giusto tributo ai valori civici di amor patrio e attaccamento alle istituzioni"

CASTELLAMMARE DI STABIA. "Una raccolta di firme per intitolare una strada di Castellammare all’eroe nazionale Fabrizio Quattrocchi" è la nuova iniziativa lanciata dai giovani del Circolo della Libertà di Castellammare di Stabia. Era infatti il 14 aprile 2004 quando il giovane italiano dopo essere stato rapito in Iraq fu ucciso da alcuni terroristi del gruppo "Falangi Verdi di Maometto". All’atto della morte Quattrocchi sfidò i terroristi pronunciando la seguente frase: "Adesso vi faccio vedere come muore un italiano". Per questo, con decreto del 13 marzo 2006, il Capo dello Stato Carlo Azeglio Ciampi conferì a Fabrizio Quattrocchi la medaglia d’oro al valor civile perché “con eccezionale coraggio ed esemplare amor di Patria, affrontava la barbara esecuzione, tenendo alto il prestigio e l’onore del suo Paese”. "Fabrizio Quattrocchi – spiega Massimiliano Zurlo, responsabile del movimento giovanile dei Circoli stabiesi – è un simbolo per molti miei coetanei dell’amore verso la patria e del coraggio dimostrato per difendere l’onore del nostro paese. A pochi giorni dall’anniversario della sua morte ci sembra giusto che anche la città di Castellammare tributi al suo ricordo una strada cittadina. Per questo scenderemo in piazza per raccogliere firme per una petizione da indirizzare all’amministrazione comunale stabiese". Concorde con i giovani anche Antonio Sicignano, vicepresidente dei Circoli della Libertà della Campania e presidente del Circolo stabiese. "Ricordare con una strada la medaglia d’oro al valor civile Fabbrizio Quattrocchi rappresenta un giusto tributo ai valori di amor patrio e attaccamento alle istituzioni. Di recente – spiega - ho potuto verificare di persona che molti giovani stabiesi stanno dimostrando grande amore verso la patria, le istituzioni e la città. Ciò è un fatto molto importante perché è il segno di una società che vuole cambiare. Castellammare non arriverà mai lontano se prima gli stabiesi non iniziano a trattare la propria città come la propria casa".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.