Home > Sport > Pomigliano-Quarto 0-0, mister Pirozzi: «Ce l’abbiamo messa tutta»

Pomigliano-Quarto 0-0, mister Pirozzi: «Ce l’abbiamo messa tutta»

lunedì 17 settembre 2007


POMIGLIANO D’ARCO - Al termine del combattutissimo derby del Gobbato conclusosi a reti inviolate, i commenti dei protagonisti. Per la squadra granata la parola al mister ed al mediano Ausiello. Per la squadra flegrea è il coach Amorosetti e Maradona jr ad esprimere il parere sulla prestazione del Gobbato.

Rientrati negli spogliatoi al 90esimo, dopo una gara ricca di occasioni goal mancate per i padroni di casa, un Quarto che soddisfatto porta a casa il suo primo punto in campionato, sono i protagonisti della partita ad analizzare la prestazione calcistica.
Sulla sponda granata tocca al trainer Egidio Pirozzi (in foto) esprimere un parere sulla non brillante prestazione dei suo ragazzi : «Di solito si dice che la doppia partita in casa non si vince e così è stato. Pur non giocando enissimo, abbiamo dato il massimo, ma è normale che dispiace: c’è un po’ di rammarico. Forse qualcuno ha fatto dei voli pindarici, ma noi non dobbiamo vincere il torneo, come crede la piazza che è abituata a ben altro. Siamo consci della nostra forza e continueremo a lavorare giorno dopo giorno».
Poi è il turno del mediano Ausiello «È un pareggio che ci sta stretto e le occasioni da rete parlano chiaro. Nel finale abbiamo dato tutto e dispiace molto sia per la società che per il nostro pubblico. Era difficile ripetersi nella seconda gara in casa dopo la bella vittoria di domenica, purtroppo il calcio è questo. Il direttore di gara ha ritenuto giusto non assegnare il penalty al Quarto».

Sull’out flegreo, invece, è il turno del coach Amorosetti commentare il punto d’oro strappato agli uomini del presidente Romano: «Un punto d’oro su un campo difficile, in cui la squadra ha mostrato molta determinazione». Poi, quando gli si chiede come si prepara una squadra, reduce da due sconfitte consecutive, ad una gara in trasferta di questo spessore, lo stratega flegreo ci tiene a sottolineare un aspetto fondamentale del suo credo-calcistico, vale a dire il lavoro quotidiano
effettuato con cura: «Noi rispettiamo ogni tipo di avversario, ma cerchiamo sempre di imporre il nostro gioco e di trovare la soluzione giusta per farlo. Come gioco dobbiamo rivedere qualcosa, ma quando siamo rimasti in 10 abbiamo arretrto ancor di più il nostro baricentro. Noi lavoriamo quotidianamente con il massimo impegno e cerchiamo sempre di farci rispettare: giochiamo sempre la nostra partita».
Infine, la parola passa a Maradona junior: «Sto riprendendo man mano la condizione, ma il mister sa bene quello che fa ed io sono a sua completa disposizione. Rimango molto tranquillo perché so bene che questa squadra può dare molto a me e spero di dare il mio contributo. Sono estremamente soddisfatto della partita disputata dai miei compagni e spero di avere più spazio domenica. Credo che c’era un rigore a nostro favore non segnalato.L’espulsione di Di Pietro? L’arbitro ha deciso così e noi lo accettiamo, anche se per noi è stato un danno. Andrea Di Pietro è per noi un calciatore troppo importante». (interviste a cura di Salvatore Alligrande)

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.