Home > Economia > Il mare come fonte economica, convegno a Torre Annunziata

Il mare come fonte economica, convegno a Torre Annunziata

giovedì 3 maggio 2007, di micdavino


TORRE ANNUNZIATA - “Il mare, fonte e risorsa di una nuova economia.? E’ il tema del convegno che si terrà sabato 5 maggio a Villa Balke, nell’ambito delle manifestazioni di ExpoMare.

A presiederlo sarà il Contrammiraglio Felicio Angrisano del comando generale capitanerie di porto. Tra i relatori, il dottor Riccardo Strada, il dottor Vincenzo Saggiomo, il prof. Giovanni Fulvio Russo dell’università Parthenope e il prof. Renè G. Maury dell’università Orientale. Si parlerà di inquinamento e di salvaguardia dell’ambiente ma, soprattutto, di sviluppo legato al mare e alle bellezze del territorio. “Abbiamo a disposizione una grande risorsa socio-economica -dice il dottor Francesco Tamburro organizzatore dell’evento insieme al dottor Oreste Autieri- ma per poterla sfruttare appieno bisogna saper coglierne le tante opportunità, basti pensare alla pesca-turismo che mette insieme attività sportiva, bellezze naturali e promozione dei prodotti locali. Da sola può rappresentare un’interessante fonte di reddito.” Una vera e propria promozione del mare insomma, quella del 5 maggio, con un occhio ben puntato sulle potenzialità economiche del settore. Per questo dopo il convegno sono previste tavole rotonde degli imprenditori della zona che tratteranno di associazionismo, di nuove figure professionali e delle opportunità di lavoro per le imprese presenti sul territorio. Ma non solo di mare si parlerà. Un altro argomento sarà il fiume Sarno, la cui bonifica contribuisce in modo rilevante al risanamento del mare e che sarà oggetto della relazione dell’ing. Bruno Orrico, responsabile tecnico del disinquinamento e della bonifica del fiume.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.