Home > Cronaca > Somma Vesuviana: Ecco il degrado di via Malatesta e di via Menecupelle

Somma Vesuviana: Ecco il degrado di via Malatesta e di via Menecupelle

martedì 5 maggio 2009


Somma Vesuviana. Non c’è raccolta differenziata, isola ecologica, termo valorizzatore e quant’altro che tenga di fronte alla poca collaborazione di spezzoni della comunità i quali si ostinano a sversare impunemente i rifiuti in ogniddove. E’ questo in sintesi il pensiero dell’assessore all’ambiente del Comune di Somma Vesuviana, Raffaele Angri. Quest’ultimo è stato chiamato in causa dalla pubblica denuncia di alcuni cittadini sommesi i quali lamentano lo scarso intervento dell’assessorato nella raccolta di rifiuti in alcuni punti, critici e periferici, della cittadina sommese. Il primo che è si mosso in questa direzione è stato Vincenzo Piccolo, commerciante e candidato alle ultime comunali con il Pdl. “Una trentina di famiglie vivono il degrado dell’area di via Menecupelle senza che nessuno faccia niente. Abbiamo raccolto circa 60 firme che sono state consegnate al sindaco Allocca, ma a parte un intervento alla fine del 2008, poi sembra che il nostro appello sia caduto nel vuoto”. In effetti la strada, in realtà un alveo, che da via Menecupelle porta fino a Marigliano è costeggiata da rifiuti di ogni genere. Gomme bruciate, calcinacci, apparecchi elettrici. “Noi chiediamo la pulizia dell’alveo- continua Vincenzo Piccolo- e il ripristino di controlli seri sia da parte dei vigili urbani che delle guardie ambientali affinché alcune zone, solo perché si trovano in periferia, non diventino delle discariche a cielo aperto”. Ma non solo via Menecupelle sembra essere finita nelle mire degli incivili. Anche nell’alveo di via Malatesta sono stati sversati dei rifiuti. Solo che in questo caso la quantità è minore, ma la pericolosità è maggiore visto che ci sono diversi pezzi di eternit. Alcuni di questi sono stati raggruppati e messi in sicurezza dalla Guardia Forestale, mentre altri ancora costeggiano il muro in pietra viva dell’alveo.. “La questione dell’amianto- spiega l’assessore Angri- la conosciamo tanto che abbiamo inoltrato diverse segnalazioni agli organi competenti. Non può pagare sempre il nostro Comune per interventi che spetterebbero ad altri Enti, come il Parco del Vesuvio o la Provincia di Napoli”. L’assessore continua analizzando la questione di via Menecupelle. “Ci attiveremo al più presto per rimuovere i rifiuti in quella zona, ma vorremmo che i cittadini collaborassero segnalandoci (in forma anonima n.d.r.) gli incivili che si prodigano per sversarli.”

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.