Home > Attualità > Comunicati Stampa > GRAGNANO, INSERRA (PD): “VIABILITA’, PATRIARCA POCO CREDIBILE: NON PRENDE (...)

GRAGNANO, INSERRA (PD): “VIABILITA’, PATRIARCA POCO CREDIBILE: NON PRENDE POSIZIONE SUI PROBLEMI DELLE ZONE ALTE”

giovedì 21 maggio 2009, di Comunicato Stampa


“Annarita Patriarca è poco credibile quando annuncia che la questione viabilità sarà la priorità assoluta della sua eventuale amministrazione". Michele Inserra, candidato sindaco del Pd e di due liste civiche, commenta l’intervista rilasciata dalla rivale Patriarca al quotidiano Metropolis. “La situazione viabilità nella zona alta di Gragnano tra Via San Giuseppe, Caprile, e Aurano è drammatica. Le difficoltà, anche serie, di circolazione sono all’ordine del giorno. Basta un’auto leggermente fuori posto e si creano ingorghi lunghissimi. Proprio stanotte un camion dei pompieri ha avuto serie difficoltà nel raggiungere il luogo di un incendio. E tutto questo è causato anche dal persistere di piccoli interessi particolari, di privilegi di tipo feudale che con la Patriarca si consoliderebbero , finendo col danneggiare l’interesse collettivo, rendendo impossibile qualsiasi progetto di riqualificazione e di miglioramento delle zone alte”.
Inserra sottolinea infine di aver dedicato un punto delle sue ‘100 proposte per cambiare Gragnano alla questione di Via San Giuseppe cercando una mediazione tra interessi contrapposti: “La realizzazione di un’area verde attrezzata di uso pubblico a Villa San Giuseppe, nell’area di proprietà comunale, ma attualmente nella disponibilità di privati. Per realizzarla in tempi brevi cercheremo un accordo con gli attuali detentori del fondo". Ecco noi abbiamo preso posizione – conclude Inserra - e vorremmo che anche la Patriarca facesse altrettanto”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.