Home > Attualità > Comunicati Stampa > San Giorgio a Cremano, trecento famiglie a basso reddito potranno (...)

San Giorgio a Cremano, trecento famiglie a basso reddito potranno acquistare materiale scolastico per i propri figli negli esercizi convenzionati del territorio

domenica 24 maggio 2009, di Comunicato Stampa


“Durante la mia carriera da insegnante – afferma l’assessore Cautela – ho notato che i segni del disagio economico emergono sui banchi di scuola ma noi abbiamo deciso di eliminare, almeno in classe, le differenze proprio perché ci rendiamo conto che le spese per l’acquisto del materiale scolastico pesano enormemente sul budget familiare soprattutto in quelle situazioni dove c’è più di un minore che frequenta la scuola dell’obbligo. Il progetto rispetta in pieno il programma elettorale proposto dal sindaco Mimmo Giorgiano intenzionato a fare di San Giorgio una città in cui tutti possano vivere dignitosamente”.
“La School card – afferma il sindaco Giorgiano –è uno strumento di inclusione sociale innovativo perché andiamo ad intervenire su uno specifico bisogno. Sempre in tema di politiche sociali, stiamo lavorando per la distribuzione di social ticket, ovvero dei buoni spesa del valore di 100 euro mensili che andremo a dare a chi è in difficoltà. Si tratta di 20 buoni acquisto mensili del valore di 5 euro ciascuno da poter spendere negli alimentari presenti sul territorio per l’acquisto di generi di prima necessità. Non è tutto: nei giorni scorsi abbiamo fatto scorrere la graduatoria degli aventi diritto ai titoli di viaggio gratuiti”.
“Con la School card ed i Social Ticket – ribadisce l’assessore alle Attività Produttive Salvatore Petrilli – intendiamo dare un nuovo impulso al commercio locale. Non è raro che i residenti vadano a fare i propri acquisti nei comuni limitrofi per una maggiore convenienza dei prezzi ma è nostra intenzione invertire questa tendenza facendo capire ai cittadini che anche qui in città è possibile spendere e trovare prezzi convenienti. In buona sostanza realizzando idee come queste non facciamo altro che mettere in circolo denaro in città per raggiungere due obiettivi fondamentali: essere vicino a chi ha bisogno e dare una mano all’economia locale duramente colpita dalla crisi”.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.