Home > Politica > Sant’Anastasia, azzerata la giunta

Sant’Anastasia, azzerata la giunta

mercoledì 17 giugno 2009, di Gabriella Bellini


Sant’Anastasia . Il sindaco di Sant’Anastasia si presenterà alle difficili riunioni politiche dei prossimi giorni senza giunta. Gli assessori hanno, infatti, rimesso le deleghe al primo cittadino, Carmine Pone. Era questa una delle condizioni richiesta dai consiglieri del Pdl per dialogare e valutare la possibilità di approvare il Bilancio nella prossima seduta dell’assise cittadina. Intanto, si è stabilito che il consiglio deve essere convocato entro il prossimo 30 giugno, termine ultimo stabilito dalla Prefettura prima dell’invio del commissario prefettizio, che metterà, questa volta per davvero, la parola fine alla consiliatura dell’esecutivo di centrodestra alla guida della città, tra molti alti e bassi, dal 2007. Per le dichiarazioni ufficiali bisogna attendere e per ora è necessario affidarsi alle voci di corridoio di Palazzo Siano. Secondo cui Pone per ricucire gli strappi con i tre consiglieri Alfonso Gifuni, Vittorio Piccolo e Antonio Ceriello dovrà rinunciare a tre assessori che, in qualche modo, sono stati garantiti direttamente da lui negli ultimi due anni di governo. A cadere sarebbero le teste di Pasquale Coppola, Assunta Cennamo e Armando Di Perna. Coppola è stato il primo eletto nella lista di Alleanza nazionale, si è dimesso per diventare assessore all’Ambiente, la sua decisione ha spinto il sindaco perciò a garantirlo nonostante in questi mesi nei suoi confronti siano arrivate critiche durissime da più parti, e persino dal suo stesso partito. La Cennamo, invece, è un tecnico. Non ha alcuna appartenenza politica e si è occupata delle Politiche Sociali. Ha ben lavorato, per stessa ammissione del primo cittadino, ma non avere un partito alle spalle la rende una pedina facilmente sostituibile per salvaguardare il bene superiore che è, in questo momento, la tenuta della coalizione di centrodestra. Infine, Di Perna, giovanissimo assessore al Bilancio, tra i “preferiti” di Pone è un esponente del Pdl ma questo non gli basterà a restare in carica. Essendo stato nominato direttamente dalla componente del sindaco è quello che più di altri può essere “sacrificato”. La giunta Pone, infatti, è composta di sette elementi, fra questi due spettano alla compagine del Vicesindaco Paolo Esposito, e tali resteranno. Lo stesso Pone il giorno in cui fu bocciato il Bilancio dichiarò: “Chi dice che Paolo Esposito abbia avuto troppo spazio in giunta sbaglia, ha ottenuto quello che gli elettori gli hanno voluto concedere”. Riferendosi all’ottimo risultato elettorale che Esposito aveva ottenuto al primo turno delle amministrative quando si era candidato a sindaco con due liste che lo appoggiavano. C’è poi Pasquale Minieri che ha appena conquistato un buon risultato alle elezioni provinciali ed è appoggiato da una componente del Pdl diversa da quella del sindaco, e poi c’è Luigi De Simone espressione dell’Udc. Non dovrebbe essere sostituito, anzi sarà affiancato da un altro esponente del partito, considerato che dopo il rimpasto ai moderati spetterà un nuovo assessore. Proprio i consiglieri del partito di Casini, Mauro Beneduce e Antonio Ceriello non si sono presentati in aula il giorno in cui si votava l’importante documento contabile.

Messaggi

  • E così il Sindaco cede ai ricatti dei "suoi" consiglieri...
    questo ci meritiamo...una amministrazione che non gestisce il potere ma si fa gestire...povera sant’anastasia..poveri cittadini anastasiani !
    Vergognatevi !!!!!!!

  • Viva la sincerità. Pasquale Minieri ha veramente conquistato un buon risultato alle elezioni provinciali? 1200 e rotti voti è davvero una bella affermazione per un componente della PDL che sbandierava di volere essere eletto al Consiglio Provinciale? Ma quale analisi è stata fatta alla fine delle elezioni? Perché non pure le dimissioni del Miniero? perché è appoggiato da una componente del Pdl, Manfellotti e Marciano, diversa da quella del sindaco e quindi non in accordo con il Sindaco? Cosa dire del Luigi De Simone espressione dell’Udc? Non dovrebbe essere sostituito per tutto quello che non ha fatto? sarà affiancato da un altro esponente del partito, considerato che dopo il rimpasto ai moderati spetterà un nuovo assessore al posto della Cennamo? Quest’ultima senza partito alle spalle. Ma non l’aveva sponsorizzata il Di Marzo del PD? E’arrivata ormai al capolinea perché Di Marzo ha ritirato con le sue continue assenze il bastone di appoggio al Sindaco? Povero Di Perna. Lo scotto della politica. Pagherà colpe non sue e pagherà sopratutto perché fece votare il bilancio della Giunta Iervolino. Farà veramente posto a T.S. come si vocifera e come riportato in altri interventi? Scommettete che per l’UDC veramente sarà candidata la Dottoressa Iossa, segretaria dell’UDC, al posto della Cennano come riportato in altri interventi? Povero Coppola, anch’egli ha avuto gli onori ed ora, messo da parte anche dai suoi sponsor, Iossa Mimmo e Frasso Dino, deve cedere il passo al rampante di Alfonso Gifuni , il giovane Abete che doveva essere candidato alla segreteria di A.N.ed ora pare sia candidato all’Assessorato all’Ambiente. Tutto per il bene del Paese. Starà ancora zitto Paolo Esposito che ha tolto il saluto al Gifuni? Parlerà ora per dire tutto ciò di cui è a conoscenza? Sarà contento del nuovo rimpasto pur di restare al Governo di S.Anastasia? Quante beghe, quanti litigi, quante Assemblee per restare a galla di un governo ormai alla frutta. Un sussulto di dignità, ma a chi chiederlo? Forse ai Cittadini Anastasiani che ormai stanno facendo i conti in tasca per poter acquistare una definiva cara dimora al Cimitero, mentre i Politici paesani(diciamo politici..) si azzuffano prima e si compattano poi sullo stesso bilancio e sullo stesso piano triennale, povero Di Perna che dovrà vedere la sua caduta su strumenti prima bocciati da alcuni componenti del Centro-Destra e poi dagli stessi votati senza che ci fossero cambiamenti, prure di restare nelle stanze di Palazzo Siano? Ma poi stare seduti nelle sale perché Sindaco Pone dopo le tante pesanti dichiarazioni rilasciate a ruota libera alle testate giornalistiche locali? Ma davvero poi i Suoi Consiglieri dissidenti volevano soltanto il rimpasto della Giunta? E se cosi fu perché rilascio le tante dichiarazioni, riportate virgolettate, post Consiglio Comunale? Quì ci vorrebbe un suo sussulto di Dignità che dovrebbe consentirle di riferchiedere al Prefetto: Il Piano triennale è stato bocciato in Consiglio; il Piano Economico è stato bocciato in Consiglio Basta questo per ricompattare i Consiglieri? Se il Piano triennale e quello economico fossero stati approvati, allo stesso modo il Signor Prefetto avrebbe annullata la Seduta Comunale tenutasi fuori termine?
    Quì ci vuole un suo sussulto di DIGNITA’, Dottore Paolo Esposito. Quì, e per questo Lei deve insorgere ora che è il momento di dire al POPOLO tutto ciò di cui è a conoscenza e ha lasciato trapelare in Consiglio. Si rilegga la bobina registrata se ha già dimenticato. Lasci stare le beghe di corridoio. Il Candidato T.S., Assessore al Bilancio al posto di A.D.P. deve ferirla ed offenderla, Dottore Esposito, perché questa potrebbe essere la “datio” per zittire Piccolo o altri Consiglieri. Ma Ciriello, l’altro dissidente che aveva per capogruppo il Piccolo, quale Assessorato e Chi al suo posto ha preteso? Gli basta il solo Assessore T.S. nominato dal Consigliere Piccolo, del quale poi è portavoce A.G.? Rientreranno in aula i consiglieri del partito di Casini, Mauro Beneduce e Antonio Ceriello che non si sono presentati il giorno in cui si votava l’importante documento contabile? Cosa dirà il P.D.? Quante .... Vi saluta Nembo Kidd

  • non risulta, almeno fino a questo momento, giovedi 18 giugno 2009, che il sindaco pone ha ritirato formalmente le deleghe agli assessori. basta che ci si informi con qualcuno di loro e vediamo la risposta che danno. altra cosa è la disponibilità al ritiro ma, ribadisco, al momento vi è una giunta in carica.

    • Alla luce dei fatti politici avvenuti nella nostra cttadina nelle ultime settimane, urge un’analisi politica attenta, oculata e soprattutto seria: Fin’ora nulla di ufficiale ma, secondo indiscrezioni provenienti da Palazzo Siano, il ricompattamento c’è stato. L’accordo, il famigerato accordo da me denunciato su facebook, è stato trovato.
      Rientra, quindi, la polemica dei dissienti che chiaramente, se pur non esplicitamente, chiedevano la testa di qualche assessore. Tutti noi, cittadini di questo paese poco ridente, sapevamo le cose come stavano e alla fine quelle nostre mere convinzoni, all luce di ciò che sta per accadere, saranno realtà.
      Fuori tre su sette: Armando Di Perna (Assessore al Bilancio), Assunta Cennamo (Politiche Sociali) e Pasquale Coppola (Ambiente). Tutti poco graditi alla compagine di maggioranza, che sin dai primi giorni mugugnava sulle scelte e non scelte del sindaco Carmine Pone. I dissidenti, dal canto loro, chiedevano anche il ridimensionamento del vice sindaco Paolo Esposito, che però sembra aver vinto la "battaglia".
      Ebbene, la mancanza di colleggialità denunciata in Pubblica Assise dal consigliere Alfonso Gifuni alla fine si è rivelata una scusante, una mera finzione che non reggeva e che i fatti hanno smentito. Vorrei conoscere, essendo un cittadino ed avendone pieno diritto, il pensiero politico sulla questione di Vittorio Piccolo e Vincenzo Ceriello.
      Vince, come spesso è successo, la politca privatistica, clientelare ed individualista. Perde, come quasi sempre è successo, la politica del fare, il paese, i cittadini tutti.

    • mi sorge un dubbio e lo lancio al forum:
      se il Sindaco ha dichiarato che i consiglieri dissidenti "chiedevano" cose non politiche (ad esempio, rilascio sanatorie su immobili senza licenza ecc. ecc.) a parte il popolo anastasiano che dovrebbere prenderli a calci ..... ma la magistratura dovrebbe aprire una inchiesta? e il Prefetto che fà? annulla la seduta del consiglio dove presumibilmente si riapproverà un bilancio già bocciato?

    • Circa si mesi fa dalle pagine di questo giornale,scrissi una lettera al sindaco dicendo,che era vittima di ricatti da parte di alcuni consiglieri comunali,ma ebbi una risposta da uomo forte delle istituzioni,che non sarebbe mai sceso a compromessi con nessuno.
      Cari amici il tempo è galantuomo,dopo sei mesi l’uomo forte delle istituzioni è crollato pur di mantenere la poltrona,i signori consiglieri hanno ottenuto quello che volevano PER IL BENE DEL PAESE(o per il bene......)anche il sindaco va dicendo che tutto questo è fatto per il bene del paese(ormai è una frase che capeggia anche in bocca al presidente del consiglio.)
      Cari amici come si fa ad accettare una situazione del genere come fa il sindaco a camminare di nuovo tra la gente,dopo che la sua stessa maggioranza lo ha bocciato e umiliato in consiglio ,dove sta l’uomo di carattere,dove sta l’uomo che non avrebbe ceduto ai ricatti,per questo invito il sindaco veramente per il bene del paese a DIMETTERSI è dare di nuovo la parola agli elettori.
      Un’ultima parola la voglio spendere per l’amico ASS. DI PERNA hanno bruciato una giovane vittima designata,è stata una persona veramente leale paga la sua lealtà di dire sin dal primo giorno che la giunta iervolino non aveva lasciato debiti.

      FRANCO CASAGRANDE(PD SANT’ANASTASIA)
      GUARDATE IL PRESENTE SICURAMENTE CON LA MIA FIRMA QUALCUNO RIESUMERA’ ANCORA IL PASSATO

    • Ma possibile che su queste pagine nessun politico anastasiano (chiamiamoli politici....), senta il DOVERE, ripeto DOVERE, ed anche l’Orgoglio di intervenire e di scusarsi almeno con i propri elettori ai quali fecero ricorso, prostrati, per essere eletti?
      Dove sono i 218 Candidati restanti che parteciparono alla elezione dei soltanto 21 eletti?
      Possibile che essi non insorgano almeno per sapere cosa veramente sta succedendo sul Comune con questa grave crisi che attanaglia il Paese anastasiano? Possibile che i pochi eletti non debbano neppure, lo ripeto, sentire il dovere di dare spiegazioni ai propri elettori? Possibile che questi elettori non debbano sapere come, perché, quando ed in quale misura avviene la richiesta spartizione ? Possibile che con questa grave crisi nessuno dei consiglieri anastasiani sentì il dovere di ribellarsi per quanto sta succedendo oggi al Cimitero in merito al Progetto finanziato che essi rivotarono in positivo dopo che l’avevano bocciato in precedenza?
      Ma dove si trova l’Assessore Coppola, con delega al Cimitero? Ha già cominciato le vacanze estive? Perché non spiega in un documento il suo punto di vista, se ci sta?
      Questo è necessario che i consiglieri riportino ai propri elettori.
      A proposito di Paolo Esposito, in tutto questo tran tran, perché non ci riferisce quello che gli richiese in presenza del consigliere Piccolo nelle stanze del Comune lo scalcitrante consigliere di A.N.? Non è ancora il momento? E quando arriva questo momento.....Mai?
      Le elezioni provinciali ormai sono finite da tempo e si avvicina la nuova data del Consiglio Comunale. L’Esposito ha ridato il saluto al Gifuni per non dire ciò che tanto lo fece arrabbiare nella ultima seduta del Consiglio? Aggiornateci, aggiornateci, politici anastasiani. Noi, vostro popolo elettore, siamo in attesa dei pensieri nuovi di cui poter parlare sulle spiagge nei prossimi giorni, specialmente sulle spiagge di Scanno, Palinuro ed oltre del Meridione d’Italia. Vacca pezzata

    • Ma se è vero che l’Esposito pubblicamente ha detto al Gifuni di non salutarlo più per la vita e poi, per mantenere la poltrona, ridà il saluto al Gifuni non ritenete che fa una figura di cacca? E, se fa la figura di cacca, i suoi elettori ancora una volta decidono di fingere di non vedere e non sentire e restano disponibili a ridare la fiducia all’Esposito? Se poi è vero che la giunta è ancora in carica, perché il manifesto che riguarda il Cimitero e le prenotazioni porta soltanto la firma del Sindaco e non pure la firma dell’Assessore Coppola? Ma, a proposito, perché il Sindaco ogni volta che si parla di soldi da versare per le prenotazioni dei loculi che si dovranno costruire non dice mai apertamente che i soldi i cittadini dovranno darli soltanto quando i nuovi loculi saranno stati costruiti e non prima? Altrimenti che progetto finanziato si intenderebbe avere stipulato con la ditta di Quarto? Ma che sotto sotto non ci sia qualcosa che noi miseri cittadini non riusciamo a vedere? Non sarebbe il caso che qualche Magistrato mettesse gli occhi su questo contratto per dare a noi cittadini un poco di trasparenza? E, se imperterrita la Ditta che gestisce il Cimitero continua a richiedere le anticipazioni, perché il Signor Sindaco non trasmette l’incartamento alla Procura perché definitivamente indaghi? Vi pare poco Consiglieri politici eletti dai cittadini? Vi pare poco Assessori nominati dal Sindaco? Vigile attento

    • Che si chiami Miniero e non Minieri, caro Fergy87, la sostanza di quanto detto da Nembo Kidd non varia.E poi se la giunta non é stata azzerata perché il manifesto del Cimitero non è stato firmato anche dall’Assessore Coppola? Se è vero che tutto fila liscio in Comune perché nessun Consigliere, di destra o di sinistra ha sentito il dovere di intervenire per difendere i propri cittadini elettori? Perché il Miniero e l’Esposito non hanno dato le dimissioni da Assessore e da Vice Sindaco dopo l’ultima tornata elettorale cui ha partecipato e che di certo non l’hanno visti vincitori? Dici che in questi giorni la giunta si é riunita con regolarità, ma per fare cosa se il Comune, in questi giorni attraversa una crisi tanto grave e profonda che ha visto la non approvazione del bilancio da parte di Consiglieri della PDL? Queste sono le cose reali che si dovrebbero portare alla attenzione della Cittadinanza. Le cofecchie che si stanno facendo, se ci sono,non interessano di certo il popolo elettore.
      Vacca pezzata

    • Ma la Giunta esiste veramente? Sapete che il Sindaco ha mandato una lettera a tutti i Consiglieri del Centro-Destra? Cosa c’era scritto in quella lettera? F.L.A., il Fronte, sa qualcosa? Il Centro-sinistra? I cittadini elettori potranno sapere il contenuto della lettera? Vigile attento

    • Sindaco Pone non ritiene di essere arrivato al capolinea? Non farebbe più bella figura se si dimettesse? Perché tenere in piedi questa Giunta che continuamente La ricatta? Si ritiri! Si ritiri e costringa i Suoi Consiglieri a ritornare alle proprie abitazioni. Le stanze di Palazzo Siano non si addicono a simili consiglieri. Il Sindaco Liguori, se avesse soltanto immaginato che nel tempo ci sarebbe stato l’avvicendamento di simili personaggi, mai avrebbe donato a S.Anastasia il palazzo Siano. Nembo Kidd

    • EGR SINDACO,
      La storia si ripete, chi non dimentica la caduta del centrosinistra di Mario Romano, Lei governava con lui come Presidente del Consiglio,allora era lecito mandarlo a casa dopo 2 anni, senza dare la possibilità di governare almeno per 5 anni,chiedo perchè come allora non crede di andare, via visto la caduta in consiglio comunale da parte dei suoi consiglieri, credo che farebbe un figurone con cittadini, visto che il centrosinistra non c’e , alle prossime elezione farebbe il pieno, ci pensi bene, quando il vaso e rotto e inutile incollarlo perchè potrebbe cedere in qualsiasi momento visto la conistenza dall’amministrazione nel governare il paese,voglio solo aggiungere le periferie sono sempre le stesse non è cambiato niente,ditelo in giro l’alvio santo spirito puzza di maiale non e stato mai pulito, che fate dormite,ai prossimi canditati, se ci saranno elezioni, siete portatori di innovazione e non di pettegolezzi di 30 anni storia anastasiana,saluti Sasso

    • Le sviolinate di cui si è parlato in Consiglio sono vergognose. L’amore tra il Sindaco ed i Consiglieri dissidenti è di nuovo sbocciato. Soltanto venti giorni orsono c’era guerra dichiarata ed ora .... Qual’è il prezzo di questo amore? Cosa è stato promesso o sarà dato ai tre dissidenti della PDL? Come mai sono rientrati in Consiglio i due rappresentanti dell’UDC? Il Sindaco non si è reso conto che presto resterà di nuovo solo? Cedere una volta è stato grave. La prossima volta resterà davvero solo.

    • SI RICOMPONE LA MAGGIORANZA CON IL RIMPASTO DELLA GIUNTA.

      Il consiglio comunale di ieri si è svolto senza gli assessori.
      Dunque, per Pone, sono stati sufficienti questi ultimi venti miseri giorni per ricomporre la maggioranza.Bastava solo che scomparissero momentaneamente gli Assessori nominati?
      Sono stati approvati i piani triennali ed il bilancio 2009. E’ stato rimosso l’estensore del Bilancio 2009 e del rendiconto finanziario del 2008.

      Il comportamento del Sindaco in carica è perciò atipico ed anomalo.
      Ha sempre sbandierato ai quattro venti di non voler cedere alle tante richieste ed invece ......

      Alfonso Gifuni, Vice Presidente in carica, gongolante, ha affermato di aver operato «alla luce del sole e non nelle segreterie dei partiti». Ma allora cosa ebbe da rimproverare al Gifuni il Vice Sindaco Esposito il giorno 4 giugno?

      Perché quindi questi strumenti, così importanti oggi per la cittadinanza, non furono votati dai tre dissidenti il giorno 4 giugno?

      Il Gifuni, non entrando nel merito della querelle con l’Esposito, ha affermato «Il 4 giugno abbiamo votato contro il Bilancio non per mandare la nostra coalizione a casa, ma perché il centro-destra, così com’era strutturato, non funzionava bene».

      Cosa non funzionava se poi alla fine hanno approvato il Bilancio 2009 redatto dall’Assessore Di Perna del quale si sono poi chieste le dimissioni?
      «Rimarranno coloro che sono stati votati nelle rispettive coalizioni: Coppola, Esposito e De Simone -ha affermato il Sindaco ». Bravo Signor Sindaco!

      Il Sindaco Pone, in conclusione, si mostra forte con i deboli e debole con i forti. Brucia il giovane Di Perna e la Cennamo , entrambi Assessori per sua nomina e senza alcuna copertura politica.

      Il primo viene defenestrato per motivi unicamente di opportunità, in quanto il Bilancio 2009, testé approvato, porta la firma dello stesso Di Perna.

      Subisce il ricatto dei poteri forti e restano in carica De Simone, Petillo, Miniero e Coppola.
      Non si rende conto, o peggio ancora finge, per conservare la poltrona, che il vero, unico, sconfitto politico di questa crisi che ha attanagliato Palazzo Siano è il Sindaco Pone.

      Chi ora subentrerà all’Assessore Di Perna ed attuerà il bilancio dello stesso? Il Dottore Totti Sbrescia, come si vocifera per le strade?

      Chi subentrerà alla Cennamo, che pure ha bene operato a detta di molti, la Dottoressa Iossa dell’UDC?

      Che tristezza Signor Sindaco! Avrebbe fatto, a mio parere, più bella figura se avesse deciso di rassegnare le sue dimissioni! Vacca pezzata

    • amareggiato...e dir poco...se questa è l’attuale classe politica a sant’anastasia meglio cambiare residenza...

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.