Home > Politica > Somma Vesuviana, è Michele D’Avino il nuovo coordinatore cittadino del (...)

Somma Vesuviana, è Michele D’Avino il nuovo coordinatore cittadino del Pd

sabato 4 luglio 2009


Somma Vesuviana. E’ bagarre intorno alla nomina del nuovo coordinatore del circolo sommese del Partito democratico Michele D’Avino. Al centro della contesa, emersa all’interno della riunione degli stati generali di venerdì scorso, l’ultimo comma dell’articolo 13 dello statuto regionale del Pd campano. Questo infatti recita sostanzialmente così: “In caso di dimissioni del Coordinatore, il Segretario Provinciale, provvede alla convocazione dell’Assemblea del Circolo. Per assicurarne il regolare funzionamento (dell’assemblea n.d.r), il compito di Coordinatore del Circolo è assunto, temporaneamente, e fino all’elezione del nuovo Coordinatore, dal consigliere del Coordinamento più anziano in età”. E siccome Michele D’Avino risulta essere, con i suoi 69 anni, il più anziano dell’assemblea gli è toccato raccogliere il testimone lasciato del dimissionario (e sfiduciato) Maurizio De Nino. Il quale a sua volta, secondo fonti ufficiali del suo stesso Partito, non ha ancora formalizzato l’atto, ma lo ha solo comunicato a mezzo stampa sul sito locale Insomma.it. .La nomina di Michele D’Avino infatti è, stando a quanto dichiarato da alcuni componenti della lista “Rinnoviamo”, un “colpo di mano inaccettabile”. Questo perché sarebbe giunta al termine di un assemblea nella quale le diverse proposte presentate per superare l’empasse politica in cui versa il Partito, sono state tutte preventivamente bocciate. Tra queste le più dibattute sono state quelle di Agostino Vitale, che prevedeva la nomina di tre coordinatori in corrispondenza delle tre liste che compongono il direttivo; e quella di Franco Coppola che invece contemplava la possibilità di nominare un coordinatore esterno al direttivo. A tentare di buttare acqua sul fuoco però è stato lo stesso Michele D’Avino .“Lavorerò per l’unità e per smussare gli animi in questa fase di transizione con la speranza che si possa trovare una sintesi su un nome per il futuro. Il tutto- conclude il neo responsabile del circolo- tenendo conto del nostro ruolo politico di opposizione nella nostra cittadina”. Dunque sembra ancora lontana una soluzione che metta d’accordo le varie anime che stanno tentando, con non poca fatica, di giungere ad una lista unica da eleggere insieme al segretario, magari per acclamazione, nel Congresso cittadino previsto per la fine del prossimo ottobre. Congresso che potrebbe essere orfano della componente "civica" (in questo caso Polis rappresentata istituzionalmente dal consigliere comunale Nello Tuorto) che secondo voci di corridoio starebbe per abbandonare il Partito democratico.Per alcuni questo è il sintomo dell’eccesso di individualismo della politica. Per altri è pura e semplice democrazia. Ad ottobre sapremo chi ha ragione.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.