Home > Politica > Somma Vesuviana, si acuisce lo scontro nel Pd. De Falco: "Cimmino ha (...)

Somma Vesuviana, si acuisce lo scontro nel Pd. De Falco: "Cimmino ha occupato il Partito"

giovedì 9 luglio 2009


Somma Vesuviana. “Gino Cimmino ha occupato il Partito democratico”. Rompe il silenzio Crescenzo De Falco, democratico dell’ultima ora e navigato politico, tra i maggiori sostenitori della soluzione D’Avino quale coordinatore pro tempore del Pd sommese fino alla prossima stagione congressuale prevista per il mese di novembre. Lo fa entrando a gamba tesa commentando la soluzione adottata dal Comitato provinciale di Napoli secondo il quale “In seguito alle dimissioni di diversi coordinatori di circolo (Striano, Vico Equense, Somma Vesuviana, Chiaiano ),restano in vigore le norme ,a suo tempo dettate dalle deliberazioni degli organismi provinciali all’atto della costituzione dei circoli, secondo le quali il coordinatore viene eletto dal Coordinamento, votato dall’assemblea degli iscritti ed in caso di dimissioni o impedimento dello stesso il Coordinamento , a suo tempo eletto dall’assemblea provvedere alla rielezione di un nuovo coordinatore. In tal caso la convocazione del Coordinamento sarà fatta dal Coordinamento Provinciale”. “E’ un assurdità- afferma De Falco- perché lo statuto parla chiaro. L’articolo 38 afferma che lo statuto in questione sarebbe entrato in vigore il trentesimo giorno della sua approvazione”. Dunque stando ai calcoli la carta statutaria è entrato in vigore il 15 di Aprile di quest’anno. Inoltre aggiunge lo stesso De Falco “Leggiamo di una presa di posizione di Morando (il commissario provinciale n.d.r.) che a noi assolutamente non risulta. Ci risultano invece - continua l’ex aennino- delle mail di dubbia provenienza recapitate ai membri del Coordinamento”. Non sembra ci tenga a far saltare il banco del Partito democratico sommese il De Falco “Il Coordinamento affidato a Michele D’Avino aveva lo scopo di risolvere il problema dell’eccesiva eterogeneità interna in vista del prossimo congresso”. Congresso nel quale “Il Pd dovrà presentarsi con un nome del nuovo segretario che sia una sintesi di tutte le idee interne al Pd locale”. E’ un fiume in piena, l’ex consigliere comunale, che attacca: “Però l’atteggiamento di alcuni dirigenti, come Gino Cimmino, fanno capire quanto questa sintesi sia lontana e quanta poca democrazia c’è nel nostro Partito”. La conclusione è affidata all’atto pratico che lo stesso De Falco, coadiuvato dai membri del Coordinamento che sostengono D’Avino, ha intenzione di attuare:“Già oggi (ieri per chi legge n.d.r.) abbiamo incaricato un legale che faccia luce su questa storia affinché vengano difese le regole e l’applicazione dello statuto nei confronti di chiunque voglia anteporre dei personalismi al bene del Partito”. Con la consapevolezza che questa battaglia “Non è una mera questione di poltrone da occupare, ma di democrazia”.Tanto che lo stesso D’Avino, dopo aver confezionato una lettera da inviare ai Garanti nazionali, ha annunciato che non parteciperà alla corsa per il ruolo di Coordinatore al prossimo congresso.

Messaggi

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.