Home > Cronaca > Somma Vesuviana, lettera aperta di un cittadino sull’emergenza (...)

Somma Vesuviana, lettera aperta di un cittadino sull’emergenza idrica

lunedì 27 luglio 2009, di La redazione


Ieri pomeriggio ho trascorso tutto il tempo con i cittadini di Somma che vivono il perenne disagio della mancanza d’acqua.
Ho parlato telefonicamente con tutti quelli che sono parete in causa, diretti ed indiretti, del problema e mi sono fatto un’idea più chiara e precisa che amo condividere con tutti:

• Il guasto alla Centrale Elettrica di Boscotrecase è reale ma sono bastati pochi minuti per ripristinarlo;
• l’Acquedotto Campano non ha mai smesso di erogare il quantitativo d’acqua alla Gori lavorando a pieno regime come da contratto;
• la Gori, responsabile della distribuzione idrica nei paesi vesuviani, afferma che il quantitativo idrico a loro affidato e da loro distribuito è lo stesso sia in estate che in inverno;
• sempre la Gori, si giustifica dicendo che Somma Vesuviana è il Comune più lontano dalla fonte di distribuzione per cui i paesi che geograficamente lo precedo in questo percorso, e che in estate fanno più uso e consumo d’acqua, usufruiscono prima e meglio del servizio lasciando Somma a bocca asciutta;

Quindi ciò che penalizza Somma Vesuviana ed i suoi cittadini sono:

• la sfortunata posizione geografica, e questa non è colpa dei cittadini sommesi;
• l’insufficiente quantitativo d’acqua che l’Acquedotto Campano fornisce alla Gori per distribuirlo ai paesi vesuviani, e neanche questo è colpa dei cittadini sommesi;
• l’iniqua distribuzione dell’acqua da parte della Gori che, pur sapendo che a Somma non arriva, non adotta soluzioni che penalizzino un pò tutti i comuni allacciati alla rete idrica creando piccoli disagi a tutti e non grandi tragedie sempre e soltanto Somma.

Il Sindaco Allocca è riuscito a far iniziare i lavori per la realizzazione di una pompa di sollevamento a Cercola che dovrebbe risolvere in pochi mesi il problema alla radice.
Nel frattempo la Gori ha il dovere di trattare i suoi utenti-clienti tutti allo stesso modo.
Se disagio ci deve essere è bene che lo vivano il maggior numero di persone ed il più breve tempo possibile in quanto il denaro dei sommesi non è diverso da quello degli altri e neanche i loro diritti e la loro dignità.

Emanuele Coppola

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.