Home > Politica > Dopo le dimissioni del sindaco, Pdl e Udeur chiedono chiarezza

Dopo le dimissioni del sindaco, Pdl e Udeur chiedono chiarezza

giovedì 6 agosto 2009, di Gabriella Bellini


Sant’Anastasia. Chiarezza, è quello che chiedono i cittadini anastasiani dopo il terremoto politico che ha stravolto Palazzo Siano nelle ultime settimane. Dopo che il sindaco Carmine Pone ha ritirato le dimissioni, senza però spiegarne i motivi, adesso anche i consiglieri dello stesso centrodestra chiedono lumi. “Siamo ancora fermi alla crisi precedente”, spiega Alfonso Gifuni, consigliere comunale del pdl, e portavoce dei colleghi Vittorio Piccolo e Vincenzo Ceriello. “La crisi seguita alla bocciatura del Bilancio si è risolta con l’impegno della collegialità nelle scelte e con il recupero della rappresentanza di tutti nell’esecutivo. Dopo però non abbiamo capito le ragioni delle dimissioni e né tantomeno il motivo per cui le ha ritirate. Se aveva lasciato l’incarico i motivi che abbiamo appreso dai giornali è grave, come sono altrettanto gravi le accuse che sono seguite da parte dell’ex assessore Pasquale Miniero, accuse che travalicano la politica e riguardano altri organi competenti. Adesso non vogliamo più situazioni incomprensibili, gli accordi per governare devono essere fatti alla luce del sole, ora la maggioranza è composta da 11 consiglieri e da questi si deve partire, non si deve perdere nessun pezzo che al momento fa parte del centrodestra. Alchimie diverse da quelle uscite fuori dalle elezioni non ci interessano, se consiglieri del centrosinistra intendono dimettersi dai loro partiti e aderire al nostro progetto politico lo potremo valutare”. Ma soprattutto riguardo al silenzio del sindaco, aggiunge: “E’ importante capire le ragioni politiche di queste dimissioni, oggi urge un’estrema chiarezza. Se adesso vogliamo rinviare tutto a dopo l’estate ci dispiace, perchè la chiarezza sarebbe necessaria oggi, ma quello che ci importa è che si parta dalla coalizione di centrodestra per risolvere i problemi della nostra città”. Chiarezza è anche quella che chiede l’Udeur. “Ora più che mai restiamo nel centrosinistra”, afferma il presidente cittadino, Giacomo Gammella, “A Sant’Anastasia continua ad esistere un modello di centrodestra legato al solo leader, a noi interessa un governo locale in grado di rispondere ai problemi dei suoi cittadini. Adesso, dopo la crisi rientrata occorre una spiegazione, deve chiarire le ragioni che lo hanno spinto a ritirare le dimissioni e su quali basi è stato trovato un accordo. Il sindaco non può continuare ad agire in questo modo, è responsabile morale del fatto che la città continua a restare ferma, i progetti non decollano e la colpa è soltanto la sua e della sua politica fallimentare”. Per Gammella ci sono quartieri della città che ora più che mai meritano attenzione. “Madonna dell’Arco e via Starza sono ancora senza servizi basilari”, sostiene l’esponente dell’Udeur, “nel quartiere periferico sarebbe necessario creare strutture per lo svago, mentre nell’area del santuario mariano ormai manca tutto e soprattutto una progettazione armonica”.

Messaggi

  • Gammella ma forse sei poco informato. In altra parte del giornale vi è questo intervento del Sasso che riporto: “..... davvero lasciava L’Amministrazione del paese, senza realizzare il progamma elettorale che aveva giurato nel cinema Metropolitan,io ci credo perchè la periferia dove abito (ponte di ferro)si sta realizzando tutto, vedere per credere,vi auguro buone vacanze Sasso.”
    E’ Lei, Gammella, a non sapere dei grandi lavori che si stanno realizzando al ‘ponte di ferro’. Si informi e corregga il tiro riferendoci con altro Suo intervento.
    Fra poco sarà necessario anche fare le strisce blu per il parcheggio a pagamento delle macchine che si fermeranno per le lunghe soste. Viva il lavoro che arriva con i posti di lavoro per gli anastasiani.
    Viva tutti e Vacanze lunghe. Forza a Sasso e a tutti gli altri.
    Vigile di quartiere attento

    • E allora Signor Gammella, ha visitato i luoghi del Sasso? Ha trovato i tanti lavori realizzati? Si sta preparando per le strisce blu in questi luoghi benedetti? Quanti nuovi posti di lavoro porterà al Comune di S.Anastasia? Pare che nei luoghi del Sasso, oltre alle opere abusive, si realizzino anche strutture industriali o ad esse annesse, che Lei potrà e dovrà scoprire costruite o non con concessione regolare. Ci informi Signor Gammella. Buone Vacanze a Lei e tante al Sasso ed agli Amministratori che tanto si adoperano per e forse solo per “ponte di ferro”.
      A proposito, Signor Gammella, visto che si dovrà aggirare per le periferie del paese, può farci sapere anche se si imbatterà per caso nell’Assessore all’Ambiente? Da tempo immemorabile si sono perse tutte le tracce. E’ dai giorni delle elezioni provinciali, l’assessore nominato vagava per via Marconi ed era solito sostare al neo bar-gelateria della novella piazza del Piccolo, con tutti gli altri assessori e consiglieri, dissidenti e non. Tutti allora circuivano il Miniero, probabile vincitore delle elezioni, anche il Di Perna ed il Gifuni, l’Alfonso e non l’imprenditore Mario. Non era quasi mai assente nella novella piazza l’Esposito, il Paolo ViceSindaco. Nella novella Piazza ... del POPOLO ? l’unico assente era il Caro Sindaco.
      Vede Signor Gammella quante cose abbiamo messo in pentola e sul fuoco? Ci rendiconti, gentilmente, e non soltanto vagamente al mò del Sasso. Ci dica, per favore, anche dell’Esposito e ci aggiorni, ci aggiorni .... ci aggiorni. Noi, che siamo tutte orecchie, pendiamo come sempre dalle Sue labbra. Si faccia aiutare in qualche suo passaggio, per favore, anche dagli Assessori e dai Consiglieri tuttologi. Le sue Amicizie anche con il Beneduce, il Mauro che te lo ritrovi sempre in tutte le coalizioni di destra e di sinistra, e con il Ceriello, il taciturno Antonio, potranno permetterLe di farci finalmente sapere dove oggi è collocato l’UDC di S.Anastasia? ed eventualmente fino a quale giorno essi daranno l’appoggio alla Giunta ma soltanto dall’esterno ed in virtù dei Programmi prospettati?
      Vede Signor Gammella quanto e come gravoso dovrà essere il Suo compito in questi infuocati giorni d’estate? Lavori Signor Gammella, Lei fresco sposo, per noi in questi giorni. Non ci lasci senza notizie in generale e ci aggiorni quotidianamente anche delle strisce blu a S.Anastasia.
      A proposito, Signor Gammella, ha letto il manifesto fatto affiggere ieri o oggi a S.Anastasia dalla Società che gestisce il Progetto finanziario del Cimitero? Quali soluzioni ci prospetta? Cosa suggerirà ai Suoi elettori ed ai Suoi simpatizzanti? Noi, in muto silenzio, pendiamo, Le ripeto, soltanto dalle Sue labbra. Vigile della periferia interessato

    • "Finalmente"
      qualcuno riconosce che la periferia (ponte di ferro")e stata per anni maltrattata, e che i politici di sant’anastasia non se rendono conto,incominciando dagli eletti del nostro territorio, ( invito anche i cittadini cosi detti della città,a venire di sera a passeggiare per via eduardo de filippo lungo l’alveo santo spirito dove anche il comune non a mai risolto il problema dei liquidi fecali sversati dai cittadini lungo via pomigliano nell’alveo , si raccomanda la maschera antigas,cito solo questo ma i problemi c’è ne sono tanti) ringrazio che qualcuno in questo giornale mi da una mano a raccontare la verità: trovo stupido difendere qualcosa che per anni e stata abbadonata sia dai politici ai tanti amministratori del passato a non risolvere questi problemi, ho sempre chiesto quando si viene eletti dal popolo, i consiglieri, gli Assessori, il Sindaco di che cosa dovrebbero occuparsi ber il beneficio della propria città?A voi la risposta saluti Sasso

    • Allora Signor Gammella dall’intervento del Sasso debbo ritenere che il mio era stato tutto un fraintendimento. Io, mi creda Signor Gammella, ero convinto che il Sasso veramente voleva suggerirci che il bel Paolo, l’Esposito per intenderci, ed il Mauro, Beneduce per gli incliti,avessero bene operato per la periferia, il ponte di ferro per gli anastasiani, dove prendono voti più e quanto Berlusconi in persona. Oggi, invece, debbo ricredermi perché capisco dalle parole del Sasso che i due sunnominati, ma non trascuriamo tutti gli altri, il Gifuni per esempio, che anche a piene mani hanno preso e prendono voti di preferenza in questa periferia, in tutti gli anni, e sono tanti ..... circa cinque lustri, nei quali hanno avuto il piacere, mi spiace dire l’onore e volutamente non l’aggiungo, di rappresentanza degli anastasiani, che mai alcunché hanno portato di buono alle periferie. Allora Signor Gammella, lo chieda agli abitanti delle periferie ed a quelli del ponte di ferro “Perché Vi ostinate ancora a votare gli Esposito ed il Beneduce”? “Perché vi ostinate a votare il Di Marzo ed il Ceriello, l’Antonio per intenderci, che mai hanno aperto bocca nelle assise consiliari”? “Perché Vi ostinate a votare la Giordano, la Dottoressa per intenderci per consentirle di completare e condonare le opere abusivamente realizzate sul Parco Vesuvio e sui Regi Lagni”? “A proposito Signor Gammella perché non chiede anche al Buon Pappadia, l’architetto che tutti vorrebbero vedere lontano dai nostri suoli, a quale gradino trovasi l’ordine di abbattimento di queste strutture abusivamente realizzate e se saranno mai abbattute”? “Ma vuole vedere Signor Gammella che poi sotto sotto l’unico ad ..... sia stato proprio il Gifuni, l’Alfonso per intenderci”? Vede Signor Gammella quante altre cose abbiamo messo in pentola a bollire? Ci vuole rendicontare, gentilmente? Non dimentichi ci aggiorni, ci aggiorni .... ci aggiorni. A Noi, che siamo tutte orecchie, piacciono i suoi interventi anche e soprattutto perché disinteressati! Peschi a piene mani dai tanti Consiglieri ed Assessori suoi Amici e ci riferisca. Sa con tutto questo caldo e questa afa estiva spesso anche una bella doccia fredda fa bene allo spirito di Noi poveri Anastasiani. Vigile della periferia interessato

    • Egr Vigile,
      Nelle mie precedente affermazioni ho sempre affermato tutto quello che si doveva dire,ho sempre accennato la verità che in questa periferia non si e fatto nulla, e che ho sempre dato fiducia ai politici del luogo, ma anche dichiarato che non avranno più il mio consenso,il resto dei politici anastasiani che cosa hanno costruito per questa periferia, nulla, mai nessuno di questi politici sa che in via pomigliano non c’è fogliatura, dove i residenti scaricano i liquidi fecali nell’alveo santo spirito, in via eduardo de filippo sempre pieno di spazzatura, alveo santo spirito, pieno di questi liquidi con una puzza esagerata, via starza rosenea senza marciapiede, via li dottori senza fogne, c’è una lunga lista che un giorno forniro su questo giornale,domando se non ci sono i consiglieri di questo territorio a far valere il voto dei cittadini di ponte di ferro,non credo che lo faranno quelli del centro........,dicevo chi non ricorda le affermazione del Sindaco (cinema metropolitan), che in 100 giorni cambiava sant’anastasia, ma non certamente le periferie, vede in altre mie affermazioni ho dichiarato che attualmente non c’è una classe politica efficiente, vedi le ultime vicende apparsi su questo gionale,dimissioni o non dimissioni del sindaco, e non credo neppure al centrosinistra sempre litigioso, bisogna cambiare radicalmente e mettere nuove generazione, e mandare a casa per sempre (I famosi dott. avv. ing.),Sindaco E Assessori non servono a questa città se non svolgono il ruolo di Amministratori a tempo pieno,una volta eletti per cinque anni devono lavorare per la propria città,come una grande azienda, se un dirigente non e capace portare utili va licenziato, ormai il comune e una azienda dove il Sindaco non porta utili alla città va licenziato!inoltre vorrei chiedere Al Sig Gammella, una sola cosa visto che le periferie chiedono giustizia sul mancato piano di riqualificazione, di portare le battaglie come partito nelle sede più opportune , e non rimanendo incollati solo e specificamente per Madonna dell’Arco........ Saluti Sasso

    • Egregio Sasso, apprendo con piacere quanto riferisce e mi auguro che alla prossima tornata elettorale, mi creda sinceramente, Lei ed altri giovani come Lei finalmente, anche in una lista civica, concorrano perché la vecchia classe dirigenziale venga debellata ed una nuova, vogliosa, la sostituisca degnamente. Io mi auguro di cuore di vederLa in contesa e con un programma di poche cose ma percorribili ed attuabili sia alle periferie che al centro. Occorre poco. Basta battersi per dei principi sani che vadino incontro alla popolazione e non a favore del singolo amministratore eletto. Una delle poche cose: Una navetta che ad orari prestabiliti trasporti i cittadini dalle periferie al centro e viceversa a titolo gratuito e per i soli residenti.
      Altra proposta: Uffici amministrativi decentrati in periferia dove i cittadini possano richiedere, con pochi passi da effettuare, sia le carte di identità sia certificazioni varie.
      Ancora: Un ufficio decentrato delle Poste Italiane in una o più periferie ove si possano anche riscuotere le pensioni oltre che inviare spedizioni varie.
      Poche cose, veda Sasso, facilmente attuabili e che pochi Assessori con delega possano facilmente seguire nell’interesse solo della cittadinanza.
      Alcune di queste proposte saranno facilmente percorribili se gli Amministratori che eleggeremo lo faranno a tempo pieno. Questo è il nostro compito e scopo principale!
      Altre proposte da fare ci sono ma faranno parte di un pacchetto da inserire in un programma elettorale al quale mi auguro averLa Candidato.
      Questo ho sempre aspettato che si attuasse da parte dei Consiglieri eletti, il Bello Esposito, Paolo per intenderci, con la sorella Carmen ed il Gifuni Geremia. Questo mi sarei aspettato che l’attuasse il Gifuni, l’Alfonso, con gli altri dissidenti, con il Mauro Beneduce che finalmente si decida dove stare stabilmente e con il Ceriello Antonio al quale auguro di cuore di aprirsi finalmente in Consiglio Comunale per prospettare la risoluzione dei programmi che gli hanno permesso l’elezione.
      Questo chiedo ai Consiglieri eletti del centro sinistra, al Di Marzo che mai parla ma, con insistenza, siede sulle sedie comunali. Questo Chiedo anche al De Filippo, che il FLA in un suo manifesto, ebbe a bocciare definendolo come smarrito. Non intendo escludere gli altri consiglieri ed assessori eletti che nulla, ma veramente nulla, hanno in programma per il bene della Cittadinanza. Auguri Sasso e speriamo che il Gammella dalla Sua Cittadella Mariana ci illumini in qualche modo. Vigile della periferia interessato

    • Egr Vigile,
      La ringrazio, vede in tutti questi anni personalmente ho sempre evidenziato la nostra periferia anche con richiesta dai cittadini di questa periferia naturalmente protocollate,,ma purtroppo la storia la conosce bene. infatti i sig. consiglieri da lei nominati,secondo me non cera bisogna di specificarLi, ma visto così li elenchiamo uno per uno i consiglieri eletti prima e dopo l’Amministarzione Jervolino sono i Sig Beneduce, dott.Esposito P,dott.ssa Esposito C, avv.Auriemma F,sig Gifuni G,sig Gifuni A, la dott.ssa Punzo, vede i personaggi del luogo ci sono,qualcuno non c’è più, ma la situazione non è cambiata, mi dispiace per molti cittadini di questa periferia che hanno creduto come me a questi politici con tanti anni di esperienza,vede Vigile io condivivo la sua affermazione di cambiare con forze anche giovanile il nostro paese sarebbe ora di mandarli a casa persone che non vogliono bene alla loro città, (lo dicono solo quando ci sono le elezioni),dicevo nella precedente missiva che ci vogliono persone che con la passione per fare il consigliere comunale, l’Assessore, o il Sindaco, lo si deve fare a tempo pieno,stare a contatto con i cittadini e con le problematiche giornaliere, io sono un lavoratore che ogni tanto deve lasciare S’Anastasia per esigenze aziendali, non potrei mai canditarmi non eserciterei un buon servizio, ma certamente dare un contributo alle persone che faranno tale scelte,certamente la mia famiglia darà questo contributo,Saluti Sasso

    • Signor Sasso anche altre volte ha dato le stesse risposte ed io Le credo. Faccio, però, affidamento sulle Sue parole perché anch’io desidero quello che Lei chiede.Anch’io intendo cambiare la nostra obsoleta classe dirigenziale e perciò mi premurerò di contattarLa al momento opportuno, al momento delle elezioni Amministrative. Le chiederò, anche in caso di sua indisponibilità, nominativi di persone a Lei vicine, con i requisiti che ha già dettato, che possano dare ad alcuni volenterosi anastasiani una mano a risollevare le sorti di questo nostro disgraziato, politicamente intendo,Paese. Da queste colonne ancora chiedo e spero che il Gammella dalla Sua Cittadella Mariana finalmente si faccia vivo e ci illumini in qualche modo.Ci dica di cose serie che alla ripresa faranno i vari Esposito, Paolo per intenderci,il Beneduce, il Mauro, il Gifuni, l’Alfonso, il Ceriello, l’Antonio ed il Vincenzo che si possono accomunare, il Piccolo, il Di Marzo, il De Filippo .... e chi più ne ha più ne metta. Ci dica di cose serie, il Gammella, e non faccia del gossip. Sa, Signor Sasso, ne abbiamo già tanto di gossip. Ci riferisca di interviste serie del Gifuni, l’Alfonso per capirci, e ci dica della definitiva sua linea di condotta. Ci dica pure delle pratiche che il buon Architetto Pappadia ha deliberato, pare come si vocifera , di far demolire. Le vacanze ormai volgono al termine e la ripresa politica amministrativa si avvicina ed al prossimo consiglio comunale, il buon Gammella, ci dica se il Marciano con il Manfellotti sta con il Sindaco o gli è ancora ostile. Vigile della periferia interessato

  • egregi lettori apprendo con molta soddisfazione che da parte di un consigliere del PDL e dal pres. dell’UDEUR chiedono spiegazioni in merito alla crisi politica.Al pres. che parla di restare al centro sinistra dimentica che il suo segr. naz. è stato eletto nel PDL, per quanto mi riguarda non spreco altre parole perchè lui sta all’ABC della politica. Al cons. A Gifuni ricordo che è dall’inizio dell’anno insieme ad altri due esponenti del PDL chiedevano visibilità e dimostrano la loro forza mandando il sindaco a casa il 04/06/09 votando contro il bilancio. Poi per il solito miracolo italiano il prefetto dichiara quella votazione nulla e dà 20 giorni di proroga per riapprovarlo.Perciò quello che non è stato concesso in 8 mesi viene concesso in 2 giorni. Il sindaco si presenta senza giunta in consiglio comunale e ancora per miracolo lo stesso bilancio diventa il miglior strumento contabile che S. Anastasia abbia mai avuto. Dopo pochi giorni nasce il nuovo esecutivo Pone monco di due ass.ma i dissidenti invece di porsi la questione politica applaudono perchè gli viene nominato il nuovo ass. al bilancio il dott. Antonio Sbrescia. Domando al consigliere A. Gifuni se ha un progetto vero per il nostro paese, io penso che sia politicamente un po confuso perchè prima boccia il progetto cimitero per poi riapprovarlo. Alle critiche esterne alla sua maggioranza risponde votando quasi sempre tutto.Nell’agenda della Destra ci sarà la raccolta firme per il progetto cimitero,AMAV e P.I.P. perchè gli anastasiani hanno bisogno di lavoro e no di chiacchiere.Mario Gifuni portavoce della Destra.

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.