Home > Attualità > Vico Equense, Sinistra e Libertà sostiene la lotta contro il (...)

Presente al presidio di domani mattina con i genitori

Vico Equense, Sinistra e Libertà sostiene la lotta contro il ridimensionamento delle scuole

martedì 8 settembre 2009


Vico Equense. Nell’ambito del ridimensionamento scolastico, previsto dal decreto Gelmini, il sindaco di Vico Equense pensò che l’applicazione di quella norma passava per la chiusura dei plessi scolastici situati nella zona alta della città. Così programmò la chiusura degli istituti di Ticciano e Montechiaro collocati alle pendici del Monte Faito. La decisione creava non pochi disagi ai genitori ed ai bambini abitanti in borghi molto distanti dal centro cittadino. Ci furono petizioni, proteste sino alla presentazione di un ricorso al TAR della Campania, contro la delibera comunale che aveva così inteso applicare il dimensionamento scolastico. Al TAR ricorse anche la Regione Campania in sostegno alle giuste obiezione dei genitori. Ora il TAR ha dato ragione ai cittadini vicani ed alla Ragione e ha quindi bocciato la delibera del comune di
Vico Equense. Il sindaco Cinque, ha immediatamente proposto appello al Consiglio di Stato, e nelle more, piuttosto che ottemperare alla sentenza che vedeva soccombente il comune, ha ordianto lo smantellamento delle struture scolastiche provvedendo alla rimozione delle suppellettili presenti nei plessi. Ai cittadini di Vico Equense che protestavano ha mandato i carabinieri, che hanno provveduto ad identificare donne e bambini che difendevano la loro scuola dall’abuso di un Sindaco che dimostra di non avere alcun rispetto per le sentenze del Tribunale amministrativo. Per domani i genitori hanno annunciato un presidio di protesta al comune di Vico Equense. "Sinistra e Libertà sarà al loro fianco", spiega Andrea Di Martino del coordinamento provinciale, "così come in questi giorni lo è stato l’assessorato alla Pubblica Istruzione della Regione Campania. E’ evidente che la sentenza del TAR va rispettata è questo che domani chiederemo al Sindaco. Il decreto Gelmini già produce devastazioni nel mondo della scuola. Ora una sua applicazione acefala aggiunge solo danno al danno. Chiediamo al Sindaco Cinque di consentire un sereno avvio dell’anno scolastico. Perché confidiamo sul fatto che gli stia a cuore l’istruzione dei propri piccoli cittadini. Non vogliamo neanche pensare che tanta solerzia nell’accelerare la ingiusta chiusura di scuole che servono
alla popolazione vicana sia causata dalla fretta di avviare i progetti di trasformazione delle strutture scolastiche in attività economiche. Ciò sarebbe veramente la dimostrazione di una totale insipienza. Sindaco Cinque ci dimostri di aver a cuore la crescita culturale dei bambini di Vico e applichi quella sentenza che le da torto".

Un messaggio, un commento?

moderato a priori

Questo forum è moderato a priori: il tuo contributo apparirà solo dopo essere stato approvato da un amministratore del sito.

Chi sei?
I tuoi messaggi
  • Per creare dei paragrafi indipendenti, lasciare fra loro delle righe vuote.